Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 980
POZZALLO - 13/12/2012
Attualità - La conclusione obbligatoria dei lavori ad inizio 2014

Al via progetto stazione passeggeri

E’ difatti disponibile sul sito internet della Provincia di Ragusa il disegno e la descrizione dell’infrastruttura
Foto CorrierediRagusa.it

Prende «vita» il progetto della stazione passeggeri del porto. E´ difatti disponibile sul sito internet della Provincia di Ragusa il disegno e la descrizione dell´infrastruttura (foto) che, ad inizio 2014, dovrà obbligatoriamente essere conclusa. Su tale importante infrastruttura puntano tutti gli imprenditori della Provincia ed anche le nuove iniziative previste nel Patto Territoriale della Provincia di Ragusa da cui fondi viene finanziata l’opera in oggetto.

L’edificio è previsto su una superficie di 1277 metri quadri ed sarà ubicato nella banchina del Porto Grande nella zona «B4», quasi al confine con il Porto Piccolo e la strada comunale di accesso al porto. La superficie portuale interessata dall’intervento sarebbe in totale estesa circa 4400 metri quadri e verrebbe utilizzata, oltre che per la realizzazione della struttura dell’edificio, per tutti i servizi annessi alle operazioni di transito in uscita ed in entrata, quali le operazioni di imbarco e di sbarco degli autoveicoli ed il loro necessario controllo da parte delle forze dell’ordine.

Il progetto prevede l’inserimento dell’edificio all’interno del Porto di Pozzallo in un area ben definita assegnata dagli Enti preposti in prossimità dell’attuale punto di attracco del catamarano che collega Pozzallo con Malta che utilizza una rampa metallica per l’imbarco degli automezzi.

Inoltre si è tenuto conto degli attuali punti di accesso dei passeggeri, autovetture ed automezzi pesanti che avvengono da cancelli di ingresso al Porto separati secondo le attuali prescrizioni che gli Enti preposti a tali autorizzazioni hanno definito.

Nello specifico, i passeggeri ed autovetture entrano attualmente dal cancello di confine tra il porto grande e il porto piccolo mentre gli autocarri accedono dal cancello principale del porto grande, quello in corrispondenza dell’asse viario principale.

In considerazione di quanto sopra descritto, l’involucro edilizio è stato posizionato con l’ingresso principale verso il porto piccolo di fronte al quale è stato lasciato un piazzale per la sosta provvisoria di autovetture o pullman. L’edificio è stato progettato prevedendo due macro zone, la prima destinata alla zona di attesa e servizi pubblici, la seconda destinata ai controlli e alle operazioni propedeutiche all’imbarco ed allo sbarco dei passeggeri.

Avendo la necessità di realizzare ambienti spaziosi e flessibili per l’utilizzo attuale ma anche per utilizzi diversi futuri si è pensato di realizzare una struttura ad elementi verticali e copertura a grande luce in struttura mista acciaio-legno.

Questo garantisce, soprattutto nella zona della sala di attesa uno spazio ampio privo di pilastri e pertanto modificabile nel tempo, in funzione dei vari utilizzi che lo stesso potrà avere per successive funzionalità che l’ente proprietario potrà decidere di destinarvi. La zona «Controlli», invece, ha una serie di locali destinati alle forze dell’ordine ed enti pubblici distribuiti per rendere funzionale la fase di controllo di imbarco e sbarco passeggeri.

L’edificio ha un sistema di copertura in legno-acciaio particolarmente articolato che oltre a garantire un impatto visivo che rende la struttura stessa motivo architettonico, permette di realizzare grandi superfici vetrate per dare ai grandi ambienti la necessaria luminosità che questo tipo di edifici destanti alla sosta temporanea e al transito di una grande quantità di persone necessitano.