Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 662
POZZALLO - 30/11/2012
Attualità - La denuncia arriva dal presidente dell’associazione Psg Luca Giurdanella

Bambini senza palestre e campi di calcio

L’associazione promuove le attività sportive, culturali, assistenziali e ricreative, in una visione cristiana della vita e della società
Foto CorrierediRagusa.it

Bambini senza palestre e senza campi di calcio. La denuncia arriva dal presidente dell´associazione Psg (Polisportive Salesiane Giovanili), Luca Giurdanella (foto). L´associazione promuove le attività sportive, culturali, assistenziali e ricreative, in una visione cristiana della vita e della società ispirandosi al sistema educativo di san Giovanni Bosco e agli apporti della tradizione salesiana. A Pozzallo è presente dal 1980 ma solo in quest´ultimo periodo l´associazione ha avuto parecchi problemi di logistica, soprattutto nella ricerca di spazi pubblici (campi di calcio e palestre) dove poter far «sfogare» i bambini. La richiesta rivolta all´amministrazione comunale di poter usufruire delle palestre dei plessi scolastici è stata, finora, lettera morta.

"Abbiamo inoltrato – dice Giurdanella – una missiva sia ai presidi dei plessi scolastici sia all´ente comunale. Finora solo promesse di intervento, ma nulla di concreto. La nostra associazione, essendo senza fini di lucro, gestisce un patrimonio umano formato da molti bambini, molti dei quali trovano il sorriso quando sono in compagnia dei nostri volontari. Vorremmo fare di più, ma se neanche il sindaco ci degna di risposta sul delicato tema delle infrastrutture, che ci sono ma ci vengono negate, anche l´azione più virtuosa rischia di passare inosservata, Da circa quattro anni, l’associazione, grazie alla Provincia Regionale di Ragusa e al preside dell’istituto comprensivo «G. La Pira», ha potuto effettuare le proprie attività nella palestra della Ragioneria. Da quest’anno, il preside ha deciso di negare il nullaosta previsto dal regolamento provinciale, con motivazioni ad oggi ancora sconosciute. Lo stesso preside ha sempre dichiarato di non essere disposto a prendersi qualsiasi tipo di responsabilità. Cosa dobbiamo fare"?

Oggi l’associazione sta svolgendo una parte della sua attività presso i campetti di via R. Follerau, gestiti dalla cooperativa «San Domenico Savio» la quale ha accettato la sfida, rimettendoci anche di tasca propria. Rimangono ancora in sospeso le attività di pallavolo e di avviamento allo sport. La Pgs ha circa 100 tesserati nelle varie discipline. "Chiediamo – conclude Giurdanella - alle istituzioni la possibilità di essere messi nelle condizioni di esercitare le proprie attività al fine di dare a tutti la possibilità di fare sport, senza dover gravare in maniera significativa sul reddito familiare".