Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 490
POZZALLO - 14/11/2012
Attualità - Il consuntivo 2011 esitato positivamente in consiglio comunale

Le casse di Pozzallo sono da risanare: tutti d´accordo

"Mi sto sforzando – dice il sindaco Ammatuna - di far comprendere ai cittadini che se il comune eroga servizi, questi stessi servizi devono essere anche sostenuti economicamente"

Il Consuntivo 2011 che illustra i risultati della gestione economica, finanziaria e patrimoniale dell’ente è stato esitato positivamente nel corso del Consiglio comunale di martedì sera. Mai, forse, come in questi casi, tutti si sono dimostrati disponibili a voler contribuire con idee e a voler risanare le disastrate casse del Comune. Un solo voto contrario (il consigliere Ignazio Ruffino) contro 13 voti favorevoli e solo due astenuti danno l´idea di come anche il gruppo d´opposizione voglia dare credito al sindaco Luigi Ammatuna. E non solo perchè l´ex dirigente dell´ufficio Anagrafe ha oltrepassato la soglia d´ingresso di palazzo La Pira da sindaco da poco meno di sei mesi.

Sono tutti d´accordo quando il consigliere comunale Pino Asta dice in aula consiliare che questa Giunta è ancora senza voto. Sarà comunque l´anno che verrà (e il bilancio che sarà approvato fra qualche settimana) a dar manforte all´operato amministrativo di Ammatuna. Con un punto basilare da cui lo stesso non dovrà prescindere, ovvero il recupero delle somme evase da cittadini troppo poco onesti.

"Mi sto sforzando – dice il sindaco - di far comprendere ai cittadini che se il comune eroga servizi, questi stessi servizi devono essere anche sostenuti economicamente. Vogliamo operare dei tagli alla spesa, garantendo allo stesso tempo i servizi essenziali. I cittadini devono pagare i tributi, ma comprendiamo che oggi esistono difficoltà nelle famiglie nel pagare le imposte. E’ la prima volta, nella storia del Comune di Pozzallo, che una amministrazione comunale approva un bilancio consuntivo con un disavanzo di quasi un milione e mezzo di euro, che dovremo andare a pareggiare entro i prossimi 3 anni».

Il risultato d´amministrazione dell´esercizio 2011, difatti, presenta un disavanzo di un milione e 500 mila euro circa. Dopo la chiusura dell´esercizio ed entro la data di formazione dello schema di rendiconto non sono stati riconosciuti e finanziati debiti fuori bilancio. A seguito della richiesta avanzata dal Collegio che ha redatto i conti, i dirigenti dell´Ente hanno segnalato potenziali debiti fuori bilancio per un milione e 330 mila euro (Enel, Telecom, partecipate) oltre a 459 mila euro in attesa di riconoscimento per la ditta Busso. Il finanziamento dei debiti fuori bilancio si dovrà provvedere con i fondi da inserire in sede di predisposizione del bilancio preventivo 2012/2014.

Nel corso del Consiglio Comunale, il sindaco ha interloquito coi consiglieri comunali ed ad un folto pubblico, presente in Aula, parlando ancora di nettezza urbana, della situazione dei dirigenti del Comune di Pozzallo, le cui figure saranno sostituite attraverso l’istituzione delle posizioni organizzative, e del taglio delle indennità di carica del Sindaco e degli Assessori. Proprio il taglio degli Ato Ambiente, voluto dal presidente regionale Rosario Crocetta, è stato salutato positivamente anche dai consiglieri di maggioranza.

"L’amministrazione di Luigi Ammatuna – ha detto Crescenzio Mucia (Psi) - è riuscita ad ottenere la deroga che gli ha permesso di rescindere il contratto con la Geoambiente, che il regolamento degli Ato ambiente non permetteva. L´amministrazione comunale ha perseguito tutte le strade della legalità per risolvere il problema della nettezza urbana".

A proposito di rifiuti, dopo lo stop di due giorni fa, ieri la situazione è tornata alla normalità. Rifiuti raccolti in tutta la città e disagi ridotti al minimo. In attesa di nuovi sviluppi, fra cui le spettanze arretrate ancora non retribuite ai netturbini e il decreto ingiuntivo che pende sulla testa della "Geo Ambiente".