Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 850
POZZALLO - 02/10/2007
Attualità - Pozzallo - Sulsenti è favorevole all’accordo con la Soprintendenza

Gestione Torre Cabrera:
lettera aperta della minoranza

Evidenziata anche la vicenda del riequilibrio di bilancio Foto Corrierediragusa.it

Il sindaco Peppe Sulsenti è convinto della bontà dell´accordo con la Soprintendenza per la gestione della Torre Cabrera. Agli antipodi invece quattro consiglieri di minoranza, secondo cui la convenzione non va stipulata.

La gestione prevede anche un ticket d’ingresso di cinque euro per visitare il monumento e i proventi solo in parte (30%) finiranno nelle casse dell’amministrazione comunale. "Ma non sono i soldi che ci interessano - spiega
il sindaco - quanto piuttosto l´opportunità di riportare il monumento all´antico splendore".

Il dibattito dai toni accesi è quindi ben lungi dall´epilogo. Al contratto stilato dalla Segreteria generale del Comune, e votato solo dai consiglieri di maggioranza si oppongono i consiglieri di minoranza Pino Asta del Timone; Alessandro Maiolino di Sinistra democratica; Antonio Zocco Pisana di Forza Italia e Marco Sudano di Pozzallo Giovane. Secondo i quattro, il contratto «produrrebbe gravi ed irreparabili danni economici per Pozzallo».

Ad un introito minimo potrebbe corrispondere una spesa eccessiva per le casse comunali, con l’amministrazione chiamata a pagare il servizio di energia elettrica, la pulizia e la manutenzione del monumento. Gran parte dell’introito dei biglietti finirebbe nelle casse della Sovrintendenza. Un´eventualità che non sembra preoccupare più di tanto Sulsenti.


SULLA VICENDA RELATIVA ALLA GESTIONE DELLA TORRE CABRERA PUBBLICHIAMO DI SEGUITO LA LETTERA APERTA DEI CONSIGLIERI DI MINORANZA, CHE TOCCA ANCHE LA DELICATA VICENDA DEL RIEQUILIBRIO DI BILANCIO SCOPERTO DI 800MILA EURO, FINITA ALL´ATTENZIONE DELLA PROCURA DELLA CORTE DEI CONTI

Il dibattito politico cittadino, a pochi mesi dalle elezioni amministrative, sta diventando incandescente per i comportamenti a volte scoordinati, altre volte disomogenei e non per ultimo imbarazzanti della maggioranza che guida la città di Pozzallo.

Chi ha il dovere istituzionale di vigilare sugli atti che una amministrazione elabora quotidianamente resta sgomento per la superficialità con la quale gli amministratori ed i consiglieri, di una maggioranza corazzata, producono atti amministrativi, i cui effetti decorreranno sin da ora, alcune volte senza la minima possibilità di una sensata marcia indietro.

Non è accettabile che una Amministrazione Comunale stipuli una convenzione «a perdere» con la Soprintendenza, con prevedibili perdite vicine alle 200.000 euro, e nello stesso momento lascia «passare» un riequilibrio di bilancio scoperto per altri 800.000 euro.
Tutto questo è accaduto in un lasso di tempo brevissimo, in poco più di una settimana.

Settimana che ha visto la presenza dei tecnici che hanno redatto lo schema di piano regolatore, su cui il Consiglio Comunale della passata legislatura ha dato direttive ben precise, e che l’attuale maggioranza vuole stravolgere. Tale comportamento porterebbe la conseguente rescissione del contratto con i redattori del piano, con ulteriori perdite di denaro pubblico.

L’Amministrazione Comunale, pur vantando tra i propri Assessori gente qualificata e competente, non ha un progetto politico chiaro e definito, la maggioranza vive alla giornata e pur avendo avuto in campagna elettorale un proprio leader e referente, lo ha perso in questo scorcio di legislatura.
Pozzallo non è un Comune qualsiasi, è un Comune che ha bisogno di un Sindaco presente, cosciente e competente. Per la cittadinanza è stata una durissima ed incomprensibile settimana. Speriamo sia l’ultima di cui si parli in tutta la provincia.

Il nostro dovere è quello di vigilare, denunciare all’opinione pubblica l’operato di chi ci amministra.
E’ il ruolo di chi perde le elezioni.
Il ruolo di chi le vince è amministrare, amministrare bene!

Buon lavoro, Signor Sindaco.

Lettera aperta firmata da Pino Asta (Il Timone); Marco Sudano (Pozzallo Giovane); Alessandro Maiolino (Sd); Emiliano Ciacera Macauda e Antonio Zocco Pisana (Forza Italia).