Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 558
POZZALLO - 08/10/2012
Attualità - I netturbini saranno pagati a breve

Incubo pattume scampato a Pozzallo, soldi in arrivo

Il candidato alle Regionali Asta nutre però qualche dubbio

Una mensilità da corrispondere entro il 20 corrente mese ai 52 dipendenti, stagionali compresi. «Fumata bianca» per gli operatori ecologici della «Geo Ambiente» dopo l´incontro fra il sindaco del Comune rivierasco, Luigi Ammatuna, e un legale della «Geo Ambiente». La mensilità da corrispondere è quella di giugno. Un´altra boccata d´ossigeno per i dipendenti della «Geo», molti dei quali (i 40 a tempo indeterminato) hanno già ricevuto un acconto pari al 60% della quattordicesima. Restano quindi tre mensilità per chiudere il conto, più la restante parte della quattordicesima. Nelle prossime settimane, si cercherà una soluzione per ovviare a questa lunga sequela di mensilità non corrisposte ai netturbini.

Intanto, la situazione, in città, va normalizzandosi. Niente più rifiuti in giro, con esclusione di qualche rifiuto ingombrante lasciato incivilmente presso i cassonetti. Un frigorifero arrugginito, ad esempio, staziona da tre giorni in viale Australia, alla vista di coloro che transitano con l´automobile. Il servizio di raccolta di ingombranti è stato sospeso per ieri e oggi. La «Geo», in merito, ha dato piena disponibilità ed ha assicurato l’istituzione immediata del servizio per la raccolta dei suddetti rifiuti. Stessa situazione per i sacchetti di plastica dell´immondizia, che molti cittadini pozzallesi hanno richiesto prenotandoli telefonicamente presso l´ufficio di corso Vittorio Veneto. Pare che il disagio abbia i giorni contati e che i sacchetti saranno distribuiti a coloro che ne hanno fatto richiesta in tempi brevi.

Intanto, il Consiglio Comunale di giovedì sera ha messo nuovamente sotto la lente d´ingrandimento i rapporti fra l´amministrazione comunale e la ditta di Belpasso. É stato il presidente del Consiglio, Gianluca Floridia, a voler prendere la parola per dettagliare i presenti in aula sul rapporto che intercorre fra le parti. Floridia ha ribadito che "se non si fosse risposto all´invito del Prefetto per il tavolo di trattativa fra la Geo Ambiente – ha detto - e i suoi legali, i sindacati e il Comune di Pozzallo, i lavoratori dell´igiene ambientale non avrebbero percepito neanche l´acconto sulla quattordicesima. La questione morale è importante e va intrecciata con la questione sociale che a Pozzallo sta esplodendo in tutta la sua drammaticità".

Parole che non sono piaciute al consigliere di Italia dei Valori, Pino Asta, il quale, ieri mattina, ha diffuso un comunicato. "Sono profondamente indignato – ha detto Asta - nell´aver avuto conferma, su mia espressa richiesta, nel corso del Consiglio Comunale di ieri sera, che l´Amministrazione Comunale abbia interloquito con i dirigenti della «Geo Ambiente», la ditta di Belpasso che gestisce la raccolta dei rifiuti in città. Tante sono le accuse da parte della Procura, da provare, ma mettersi allo stesso tavolo con persone che hanno avuto misure restrittive, ancorché invitati negli uffici della Prefettura, e per sacrosante questioni di retribuzione dei dipendenti, non è eticamente possibile, per rispetto di tutte le persone coinvolte nella «problematica», loro malgrado, investigatori inclusi.

In Consiglio Comunale, ho parlato poi, in riferimenti ad altri fatti incresciosi sicuramente estranei alla problematica igiene ambientale, elencati in ordine cronologico: un cassonetto bruciato alla colonia, scuola Amore devastata, due cassonetti bruciati vicino la Società Operaia, incendio al Ccr (l´isola ecologica, ndr), auto del dirigente comunale Gambuzza bruciata, undici cassonetti bruciati, chiedendo di sollecitare una particolare attenzione per alcuni obiettivi sensibili, o non di appellarsi ad una generica questione della sicurezza in città, che non significa un bel nulla. Si potrà tornare alla tranquillità in tempi brevi, arrestando una possibile escalation che farebbe rivivere alla città un clima davvero pesante".