Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 895
POZZALLO - 02/10/2012
Attualità - Chiesta la convocazione del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica

Pozzallo ha paura, intervenga il Prefetto

Dopo gli incendi e gli atti vandalici che hanno interessato la città nei giorni scorsi
Foto CorrierediRagusa.it

Convocare il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, affinchè si ponga fine alla serie di atti delinquenziali che stanno intimorendo i cittadini di Pozzallo. Lo ha chiesto al Prefetto di Ragusa Giovanna Cagliostro (foto), il primo cittadino di Pozzallo, Luigi Ammatuna, dopo gli incendi e gli atti vandalici che hanno interessato la città nei giorni scorsi.

I diversi fatti delinquenziali che si sono consumati nelle scorse settimane rilevano, infatti, un livello di violenza e di criminalità come mai si è registrato a Pozzallo, ciò nonostante gli sforzi profusi dalle forze dell’ordine e l’impegno assunto, nei mesi addietro, dalla Prefettura iblea. Per tale motivo, il sindaco e il presidente del Consiglio comunale, Gianluca Floridia, hanno scritto al Prefetto chiedendo la convocazione entro pochi giorni del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

"Tutto ciò perché è necessaria ed urgente – è scritto in una nota giunta da palazzo La Pira - la risposta all’incendio doloso dell’automobile del dirigente comunale ingegnere Giovanni Gambuzza, responsabile del settore ecologia, e quello simultaneo di dodici cassonetti della spazzatura: ambedue segnali palesi che si accordano negativamente con la delicata e pesante situazione sociale e politica cittadina, determinatasi in conseguenza dell’inchiesta giudiziaria nei confronti della Geo Ambiente, da parte del Tribunale di Modica. La particolare pericolosità dei fatti avvenuti non fa presagire nulla di positivo – conclude la nota - e sta innescando fra i cittadini un sentimento di timore diffuso che non può essere consentito".