Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 666
POZZALLO - 29/02/2008
Attualità - Pozzallo - Su delibera approvata dalla giunta

Maxi prestito di 8 mln di euro
per "stanare" i debiti comunali

Bisogna attendere il parere favorevole dei revisori dei conti Foto Corrierediragusa.it

Bilancio: debiti e contromisure per "stanarli". Questo l’obiettivo che ha indotto la Giunta Municipale di Pozzallo, nella seduta del 27 febbraio 2008, ad approvare una delibera (la n° 70) prevedente la cessione pro-soluto dei crediti vantati dai fornitori nei confronti del Comune di Pozzallo.

Da tempo, da troppo, non si sente che parlare di entrate ed uscite, in poche parole di bilancio, lo stesso che su una bilancia pesa oltre un quintale. Se maturati a «destra» o a «sinistra» si tratta pur sempre di debiti! Gli stessi che mettono in discussione la credibilità del Comune.

La cessione pro-soluto richiede l’attivazione di una serie di pratiche e procedure che consentirebbero di reperire sul mercato europeo un istituto di credito (è questa al prima difficoltà) disposto a concedere un prestito, che sembra ammontare a 8 milioni di euro, da poter restituire nell’arco temporale di 25-30 anni.

Anni di risparmi, ma soprattutto di buona politica(aggiungeremo noi). Il primo passo che prevede l’effettiva riuscita della procedura vede tra le necessità il parere favorevole dei Revisori dei Conti, come quello della Corte dei Conti. Sembra che quest’ultima abbia già espresso pareri favorevoli in merito allo stesso provvedimento avviato da altre realtà a noi vicine ( Modica per citarne una), anche se risulta indispensabile evitare ogni forma di generalizzazione.

Lo scopo principale dell’intervento risulta quello di far si che ai fornitori di beni e servizi, che vantano un credito con il Comune marinaro, possano ottenere il giusto riconoscimento per le prestazioni e le forniture concesse. Insomma, debiti e contromisure per stanarli, che sia questa la volta buona?