Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1278
POZZALLO - 08/04/2012
Attualità - Beffato un gruppo di turisti

La custode va al bagno e lascia la torre Cabrera chiusa

E’ successo una trentina di minuti prima delle ore 12 di sabato
Foto CorrierediRagusa.it

Un centinaio di turisti, di fronte alla torre Cabrera, chiusa. E´ successo una trentina di minuti prima delle ore 12 di sabato, vigilia della Pasqua. Dei tre addetti alla funzionalità della Torre, due erano in riposo. La terza addetta, al fine di espletare un bisogno fisiologico in un bar attiguo (dentro la torre Cabrera non vi sono servizi igienici), si è allontanata pochi minuti (non l´avesse mai fatto!), chiudendo a chiave l´unico ingresso. Nel frattempo, i turisti giungevano davanti al Caricatore, trovandolo naturalmente chiuso.

La coincidenza, alquanto «fantozziana», ha fatto rimanere a bocca asciutta i turisti che, in questi giorni, stanno affollando la città che ha dato i natali a Giorgio La Pira ed è famosa anche per il vecchio Caricatore. Accompagnati da una guida, i turisti hanno prima fatto visita alla casa dove nacque l´ex sindaco di Firenze, per poi dirigersi verso il centro storico e la Torre. L´imbarazzo è stato evidente quando, di fronte al monumentale Caricatore, i turisti non hanno oltrepassato la porta d´ingresso in quanto chiusa. A chiave. L´addetta è tornata dopo pochi minuti. I turisti, però, erano andati via. Agli «sfortunati» turisti non è rimasto altro che fare marcia indietro, salire sul pullman, e proseguire il loro viaggio.

Al danno, poi, l´inevitabile beffa. La guida, qualche momento prima di vedere chiusa la porta d´ingresso della Torre, aveva riferito che la visita sarebbe durata un´ora circa e, visto l´approssimarsi dell´orario di pranzo, la comitiva si sarebbe fermata per pranzare in un locale di Pozzallo. Ebbene, i turisti hanno lasciato la città di Pozzallo prima dell´ora di mezzogiorno per andare a pranzare in un´altra città. Si stima che i turisti, fra un panino e una pizzetta, avrebbero lasciato qualcosa come mille euro (o forse più) in un noto ristorante, in periferia. Che sono andati a finire in qualche altra attività commerciale, di qualche altra città.

Sia oggi che domani, giornata di Pasquetta, la torre di Cabrera resterà chiusa, così come riferiscono fonti qualificate. Per rimanere aperta, la Sovraintendenza ai Beni Culturali della provincia di Ragusa avrebbe dovuto stanziare al personale che lavora presso la Torre uno straordinario. Mai arrivato.


Attenti ad addossare colpe
09/04/2012 | 21.33.07
carmelo

Scusate ma quella custode secondo voi dove doveva andare? Nemmeno un servizio igienico all´interno della Torre Cabrera. Il fatto è che non si vuole mettere mano al portafogli e pagare la gente e magari assumerla in numero adeguato.


09/04/2012 | 14.13.26
mario

Scrivere "torno subito" no? Magari con un numero di cellulare.... Può capitare un´emergenza...


noooo
09/04/2012 | 10.10.28
Alessandro

"Si stima che i turisti, fra un panino e una pizzetta, avrebbero lasciato qualcosa come mille euro (o forse più) in un noto ristorante, in periferia"
CHE DISASTRO ECONOMICO!! NOI CHE VIVIAMO PROPRIO DI TURISMO....
Tre persone solo per fare i custodi alla Torre è RIDICOLO, queste persone sono stipendiate da noi cittadini senza "produrre" un bel niente.
La soluzione sarebbe dare l´incarico di aprire, chiudere e mantenere pulita la Torre a un solo disoccupato POZZALLESE!!


Nun Siemu Cosa
08/04/2012 | 22.34.07
Schifiato

Penso che;
A Pozzallo ognuno si fa i fatti suoi dappertutto.
per fatti suoi intendo dire affari personali, ovunque !
A Lavoro
Con i beni pubblici
Tra Gli " Amici"
E dentro il Municipio.
Siamo tornati ai tempi della pietra.
Non sappiamo ne gestire ne organizzare un economia basata sul turismo.
Tutti disoccupati...e questo e` quello che ci meritiamo.