Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 861
POZZALLO - 28/01/2012
Attualità - Della serie "Tu non mi paghi e io ti pignoro"

La Busso fa pignorare le somme dovute dal Comune

Il Comune di Pozzallo, nei giorni scorsi, avrebbe dato mandato di pagare l’attuale ditta, la Geo Ambiente. Busso, stufo del perdurare della situazione, ha fatto pervenire all’Ente comunale, tramite legale, una notifica di pignoramento delle somme pregresse

Tu non mi paghi e io ti pignoro. Giuseppe Busso, ex gestore della raccolta di rifiuti in città, è passato alle maniere forti, dopo le reiterate richieste di pagamento di vecchie fatture. Il Comune di Pozzallo, nei giorni scorsi, avrebbe dato mandato di pagare l´attuale ditta, la Geo Ambiente. Busso, stufo del perdurare della situazione, ha fatto pervenire all´Ente comunale, tramite legale, una notifica di pignoramento delle somme pregresse. É bene ricordare che Busso non gestisce la raccolta dei rifiuti in città da oltre 3 anni.
In tutta questa situazione, a pagarne le conseguenze, saranno gli operatori ecologici, i quali hanno già saputo, tramite alcuni rappresentanti dei sindacati, che lo stipendio di dicembre e gennaio è a rischio.

"Tutto questo per noi è inaccettabile - hanno dichiarato Giovanni Lattuca della Fp-Cgil e Carmelo Giannone della Fit Cisl - perché nessuno si può permettere di pignorare gli stipendi dei lavoratori ed è per questa ragione che abbiamo chiesto al prefetto di Ragusa, Giovanna Cagliostro, di convocare tutte le parti interessate, al fine di risolvere tempestivamente codesta problematica, che potrebbe esplodere da un momento all’altro, in una forte protesta da parte degli operatori ecologici".

Se ciò dovesse verificarsi, i netturbini sono pronti a scendere sul piede di guerra e, secondo quanto sarebbe stato riferito dagli stessi sindacati, a proclamare tre giorni di sciopero.