Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1477
POZZALLO - 28/10/2011
Attualità - Non solo cinesi e russi, al porto di Pozzallo

Nave di lusso al porto aperto a nuove rotte

Una delle navi più lussuose al mondo, ieri, ha fatto scalo al porto
Foto CorrierediRagusa.it

Non solo cinesi e russi, al porto di Pozzallo. Il presidente della regione Sicilia, Raffaele Lombardo, individua nel centro rivierasco una nuova rotta per i traffici commerciali verso il nord d’Italia e un nuovo partner, pronto a soddisfare le richieste di coloro che, col commercio, ci lavorano. "Il potenziamento della compagnia della Siremar – ha detto Lombardo - con la creazione di nuove rotte, consentirà, piuttosto che farlo fare ad altri privati, di collegare, ad esempio, un’area come quella di Pozzallo, da cui ogni giorno partono circa 150 tir carichi di prodotti agricoli, con il Nord e la città di Livorno, in particolare. Il tutto in una strategia di riorganizzazione delle nostre attività produttive, e di internazionalizzazione di export".

Siremar assieme agli yen e ai rubli, Pozzallo si appresta a diventare davvero l’ombelico del Mediterraneo. Il porto sarà, nei prossimi mesi, crocevia di innumerevoli traffici commerciali e per l’intero sistema economico del territorio, in sostanza, si tratta di un’occasione da sfruttare. La Sicilia, e Pozzallo con essa, si ritroverà presto ad essere, rispetto ai nuovi traffici intercontinentali, la piattaforma per tutto l’entroterra europeo, al centro dell’area mediterranea, dove è in corso un processo di democratizzazione e di sviluppo come mai si era visto prima.

"Il Governo della Regione – dice il sindaco di Pozzallo, Peppe Sulsenti - ha avviato, da alcuni anni a questa parte, una strategia di internazionalizzazione e di riposizionamento della Sicilia nel nuovo scenario globale. L’obiettivo è quello di spostarci rapidamente dall’attuale posizione di margine rispetto al vecchio orizzonte eurocentrico ad una posizione centrale, fra questo ed i nuovi poli di sviluppo vicini e lontani, individuando come obiettivi prioritari nella nostra azione, oltre al Mediterraneo, la Russia, la Cina, l’India, il Brasile e il Sud Africa. Non è superfluo dire che la ricchezza complessiva prodotta supererà, entro un ventennio, quella dei paesi del G7. Possiamo trasformarci nella Lombardia dei tempi d’oro del boom economico. Basta crederci e lavorare".

La nuova rete transeuropea dei trasporti Ten-T, nella quale trovano posto anche alcune grandi infrastrutture che dovranno far recuperare, nell’interesse generale, le aree meno sviluppate, collocate soprattutto ai confini esterni dell’UE, come la Sicilia, garantirà sviluppo e occupazione, senza dimenticare la limitrofa Malta e i dati del traffico con l’isola dei Cavalieri. Dati che, per quantità e costanza del flusso, rappresentano un consolidato canale di relazioni che, secondo le stesse autorità governative maltesi, non è facilmente sostituibile.

Il porto, infine. Per Sulsenti, i lavori saranno appaltati entro dicembre. In questi giorni, l’Amministrazione comunale sta «limando» gli passaggi tecnici per definire il quadro definitivo che porterà al progetto finito.

Il sindaco di Pozzallo, poi, ha confermato che la procedura sarà tutelata da un protocollo di legalità, che l’Amministrazione comunale sottoscriverà per contrastare eventuali ostacoli che si dovessero presentare nel corso dei lavori.

"Il 2012 – conclude Sulsenti – sarà l’anno di Pozzallo e del suo porto. Più di cento, e forse il numero è per difetto, posti di lavoro, da subito. Con tutte le varianti occupazionali che potranno sorgere, una volta arrivati cinesi, russi e Siremar. Non possiamo fallire questo appuntamento col futuro e non lo falliremo".

NAVE DI LUSSO AL PORTO
Una delle navi più lussuose al mondo, ieri, ha fatto scalo al porto. Si tratta della Sea Cloud II, un veliero dove confort, eleganza e interni lussuosi hanno fatto spalancare gli occhi ai (pochissimi) fortunati che sono saliti a bordo. Il veliero trasporta solamente 94 ospiti che hanno pagato fior di quattrini per navigare a bordo della nave battente bandiera maltese.

Sea Cloud II è una nave da crociere a 5 stelle, per passeggeri che amano la voglia di libertà. La navigazione può effettuarsi unicamente con la forza del vento. La vita a bordo é sotto il segno del relax, come all’interno di uno yacht privato per unire elementi tradizionali con più moderni comfort.

Ristorante con cucina internazionale arricchita da alcune specialità locali e da un’ampia selezione di vini, la nave è dotata di 47 cabine molto eleganti e raffinate con tessuti e mobili pregiati. Tutte le cabine sono dotate di aria condizionata, telefono, cassetta di sicurezza, bagno con doccia e wc, accappatoio ed asciugacapelli. Le suite hanno pure la vasca da bagno.

Gli ospiti della nave sono scesi e hanno transitato, ieri, per le vie di Pozzallo, approfittando della mattinata con temperatura oltre i 25 gradi.

"Beautiful place, Pozzallo, we’ll come back", la frase che molti ospiti inglesi e spagnoli del Sea Cloud II hanno pronunciato. Il turismo da crociera, per il futuro dello scalo e le migliorie previste per la messa in sicurezza del porto, non sembra essere un lontano miraggio.