Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1051
POZZALLO - 29/01/2008
Attualità - Pozzallo - Momenti di commozione al Nautico

Un rabbino a Pozzallo:
testimone della Shoah

Dal rabbino Caro l’invito a continuare nel concorso di sinergie Foto Corrierediragusa.it

La testimonianza diretta di un uomo che ha vissuto la Shoah, con il padre caduto ad Auschwitz per un confronto concreto su una delle più immani tragedie volute dall’uomo. L´ha portata all’istituto Nautico con l’incontro tra il rabbino capo della Comunità ebraica di Ferrara Luciano Caro e gli studenti del Nautico e dell’ITC, la tre giorni dedicata alla Giornata della Memoria.

Un intreccio di appuntamenti programmati con la collaborazione della Provincia Regionale di Ragusa, del Comune e della sezione pozzallese del Club Unesco. Momenti intesi quale atto doveroso per la città di Giorgio La Pira, apostolo di pace nel mondo. E la città, lunedì scorso, ha voluto salutare il rabbino ospitandolo presso Palazzo di Città dove, il sindaco Giuseppe Sulsenti, il capo d’istituto del Nautico Attilio Sigona, il presidente Unesco Carmelo Nolano, e tutta la giunta ed il consiglio comunale hanno voluto tributargli una targa ricordo nel corso di un incontro a cui hanno preso parte numerose autorità militari e civili e l’arcivescovo di Pozzallo, don Vincenzo Rosana.

Dal rabbino Caro l’invito a continuare in questo concorso di sinergie per dare alle nuove generazioni testimonianza di quanto accaduto. «La giornata della Memoria è un momento importante per l’Europa e l’Italia tutta- ha commentato Caro a Palazzo di Città- dobbiamo impegnarci a celebrare in futuro questa data evitando celebrazioni rituali che nulla dicono alle nuove generazioni, ma dare contenuti a questa memoria perché sia concretamente recepita dai giovani.»