Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 337
POZZALLO - 22/09/2011
Attualità - Intervento di Antoci al porto di Pozzallo

Dopo gli svenimenti arrivano i provvedimenti

Sono già partite, difatti, le prime indagini geognostiche e le prove geotecniche al fine di poter avviare il cantiere per i lavori di costruzione dell’edificio

Dopo gli svenimenti e i collassi di alcuni turisti e di un addetto alla security, verificatisi qualche giorno addietro, a causa del sole cocente, giunge, da viale del Fante, una buona nuova sulla stazione passeggeri del porto. Sono già partite, difatti, le prime indagini geognostiche e le prove geotecniche al fine di poter avviare il cantiere per i lavori di costruzione dell’edificio.

Il presidente della Provincia Franco Antoci, anche per bloccare sul nascere polemiche su presunti ritardi, precisa che la Provincia ha fatto quanto in suo potere, accelerando l’iter per la realizzazione dell’opera. "Ricevuta conferma – spiega il presidente Franco Antoci – nel mese di marzo di quest’anno, dell’intervenuta proroga per l’utilizzo dei fondi dei Patti territoriali destinati alla realizzazione della stazione passeggeri di Pozzallo, i nostri uffici preposti hanno richiesto al professionista incaricato, la predisposizione degli elaborati progettuali esecutivi per l’acquisizione delle autorizzazioni necessarie all’approvazione del progetto stesso, con la raccomandazione di contenere il costo dell’intervento nel limite dell’originario impegno di spesa. Si è reso necessario riverificare gli elaborati strutturali a causa non solo delle intervenute nuove disposizioni normative in materia di costruzioni, ma principalmente per rilevare le caratteristiche geotecniche dei nuovi terreni su cui edificare la stazione".

Sarà una società specializzata, con sede a Roma, ad effettuare i primi test con dilatometro sul terreno. Inoltre, i dirigenti di viale del Fante hanno già inviato i documenti alla Capitaneria di porto per la richiesta di autorizzazione all’esecuzione delle indagini predette. La Capitaneria, di rimando, ha comunicato che gli ultimi giorni di settembre saranno inevitabilmente quelli utili alla causa. "Pertanto – conclude il presidente Antoci – restiamo in attesa dell’autorizzazione ufficiale mentre abbiamo già inoltrato al comune di Pozzallo nuovi elaborati del progetto, per l’obbligato preventivo parere di competenza, che prevedono alcuni adattamenti al progetto originario risalente al 2003".

Durante la stagione estiva, un addetto alla security e una turista sono stati trasportati al Pte di Pozzallo dopo aver accusato diversi malori a causa dell’eccessiva esposizione ai raggi solari.