Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 704
POZZALLO - 17/01/2008
Attualità - Pozzallo - Tratte in salvo 49 persone

Un 2007 proficuo per il Porto:
il consuntivo della Capitaneria

Lusinghieri risultati dal punto di vista dei traffici commerciali Foto Corrierediragusa.it

Una struttura in salute, attiva e in fase d´espansione. Così appare il porto di Pozzallo, alla luce dei risultati dell’attività posta in essere nel 2007 dal personale militare e civile della Capitaneria di Porto di Pozzallo nell’ambito dei comparti di riferimento, avuto particolare riguardo da un canto alle attività più squisitamente operative e d’altro canto a quelle più amministrative e legate alla gestione del porto di Pozzallo.

Tralasciando per il momento la gestione portuale, si focalizzerà l’attenzione sull’attività operativa che assorbe, in percentuale, la maggior parte degli uomini della Capitaneria di Porto. Lo spettro di competenze a cui e’ chiamato ad ottemperare il Comando di Pozzallo, e’, come noto, ampiamente variegato, abbracciando la ricerca ed il soccorso in mare e la vigilanza sui flussi migratori, la polizia giudiziaria ed il controllo sulla filiera della pesca, la sicurezza della navigazione ed la vigilanza sull’ambiente marino ed in materia di inquinamento. A tali attività, più squisitamente operative, si aggregano poi quelle con una valenza amministrativa, come l’attività di vigilanza sulla corretta applicazione delle disposizioni del codice della navigazione o la gestione del personale navigante, o ancora, la gestione del demanio marittimo.

Per quel che concerne l’aspetto della salvaguardia della vita umana in mare, nel corso dell’anno 2007 gli uomini ed i mezzi della Guardia Costiera hanno tratto in salvo 49 persone che versavano in condizioni di pericolo in mare (spesso in situazioni al limite della sopportazione umana).

Delle 49 persone tratte in salvo ben 36 sono state soccorse nell’ambito del servizio «Mare Sicuro», a dimostrazione proprio della efficacia ed efficienza della citata operazione che si è, inoltre, concretizzata nell’effettuazione di oltre 351 controlli alle unità da diporto e presso gli stabilimenti balneari con l’elevazione di 86 verbali di illecito amministrativo per violazioni al Codice della Navigazione, al Codice della Nautica da Diporto (e norme ad esso correlate) ed alla Ordinanza di Sicurezza Balneare.

Per quanto concerne il comparto della polizia giudiziaria, distinta nei diversi aspetti di competenza della Guardia Costiera, nel corso dell’anno 2007 nell’ambito del Compartimento Marittimo di Pozzallo sono state redatte 55 notizie di reato, con il conseguente deferimento a piede libero di 77 persone, non solo per violazioni al codice della navigazione ma anche per violazioni in materia di pesca e del codice penale e sono stati, altresì, elevati 491 processi verbale di illecito amministrativo (161 per violazione alle normative sulla pesca, 39 per violazione alle norme sul diporto nautico, 32 per violazioni al codice della navigazione, 200 per violazioni a norme di natura demaniale e 59 per violazione all’Ordinanza di Sicurezza balneare).

A seguito dell’attività appena evidenziata sono stati effettuati 38 sequestri penali e ben 125 sequestri amministrativi.

I risultati sono il frutto di una imponente controllo del territorio che si è esplicato in circa 19.200 missioni sia in mare che a terra, percorrendo circa 11.000 miglia ad opera delle motovedette in dotazione, nonche’ circa 50.000 km ad opera delle pattuglie a terra.

Nell’ambito della vigilanza sull’ambiente marino, particolare rilievo è stato attribuito anche alla tutela della fauna ittica che si è concretizzata in una fattiva collaborazione con il Fondo Siciliano per la Natura di Comiso, organismo riconosciuto a livello regionale nella tutela delle specie marine.

Tale collaborazione ha consentito non solo di salvare 7 tartarughe marine, della specie caretta-caretta rinvenute in precarie condizioni di salute ma anche di liberarne altre 22 precedentemente soccorse ed affidate alle cure del predetto centro.


IL PORTO DI POZZALLO NELL’ANNO 2007: GESTIONE E TRAFFICI COMMERCIALI

Il 2007 si e’ chiuso con un bilancio più che positivo rispetto non solo al 2006 ma anche agli anni precedenti. Infatti, quasi tutti i comparti di interesse hanno registrato sensibili aumenti nel volume di traffico.

? innegabile che i lusinghieri risultati conseguiti sono stati il frutto di una capace attività imprenditoriale privata, che è riuscita ad incrementare il volume dei traffici marittimi stringendo accordi internazionali e partnership con i vari operatori dei settori merceologici di interesse per l’economia iblea.