Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1053
POZZALLO - 16/06/2011
Attualità - Il camposanto in mano a ladri e vandali

Razzie al cimitero di Pozzallo, rubata statua della Madonna

Le indagini dei carabinieri non hanno finora sortito risultati Foto Corrierediragusa.it

Il cimitero comunale di Pozzallo (foto) sempre più simile ad un «supermarket dei necrofili». Non passa difatti giorno senza che si verifichino furti o atti vandalici. E’ di ieri l’ultima segnalazione alle forze dell’ordine di un cittadino che aveva pagato per l’edificazione di un loculo, successivamente smembrato, coi mattoni ritrovati a parecchi metri dallo stesso loculo, mentre altri erano stati portati via.

Il danno si aggirerebbe sui cinque mila euro. È l’ennesimo episodio con protagonisti alcuni malintenzionati che agiscono soprattutto in orari notturni, per depredare quanti più oggetti possibili. I vasi di rame scomparsi non si contano più. Sono diversi i cittadini che, in questi giorni, si sono visti sparire i fiori appena deposti sulle tombe, ma anche i vasi annessi alle lapidi o ai loculi e alcune suppellettili adagiate accanto alle spoglie dei propri cari. E c’è addirittura chi denuncia anche la scomparsa di una statua della Madonna. Furti che hanno scatenato la reazione indignata dei visitatori. Le indagini dei Carabinieri intanto proseguono.


Derubare i morti: cui prodest?
16/06/2011 | 9.28.45
Ignazio Giunta

Mi sono recato al cimitero di Pozzallo per deporre fiori sulla tomba di mio padre e raccogliermi in loco in preghiera ... CHE ORRORE! Ho dovuto adagiare i fiori alla meglio.

Mia moglie mi ha subito suggerito di comprarli dal venditore più vicino, ma alla vista dello stesso esito per le altre tombe mi è sembrato un gesto inutile:
TUTTE LE TOMBE ERANO PRIVE DI VASI.

Viviamo un periodo in cui nessuno si indigna fino a quando non viene colpito direttamente, un periodo in cui la GIUSTIZIA non è un DIRITTO riconosciuto universalmente, ma a gentile richiesta.

Ma cosa aspetta l´AUTORITA´ di Pozzallo a porre fine a tale scempio?

Eppure è una situazione già nota da tempo ... in questo caso l´indifferenza non può configurarsi come complicità?