Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1083
POZZALLO - 21/04/2011
Attualità - Pozzallo: la richiesta del consigliere d’opposizione Asta

Un commissario ad acta per il Prg di Pozzallo

Invitati alle dimissioni i consiglieri comunali incompatibili al voto

Un commissario ad acta per decidere delle sorti della revisione del Piano Regolatore. Lo invoca il consigliere d’opposizione, Pino Asta, dopo che ben 11 consiglieri comunali (Fabio Aprile, Ernesto Tarascone, Ninella Azzarelli, Concetta Carpenzano, Carmelo Distefano, Barbara Sorace, Massimo La Pira , Alessandra Corallo , Emiliano Ciacera Macauda, Fabio Viva, Antonio Zocco Pisana) hanno dichiarato la propria incompatibilità a giudicare lo strumento urbanistico.

Per Asta, questo "non pregiudica – dice - le funzionalità del Consiglio Comunale, che sovrano, potrà determinare in seconda convocazione, ove il numero legale verrà raggiunto, per l’adozione dello schema di cui sopra. In merito vorrà il segretario generale – continua Asta - verificare per quali aree i consiglieri hanno dichiarato la propria incompatibilità. Tenuto conto di quanto il segretario generale riferirà sulla questione, i consiglieri incompatibili potranno rimuovere le stesse riportando allo status quo ante o in alternativa a verde pubblico, le aree per cui il conflitto di interesse pregiudica il diritto a prendere parte alle assisi consiliari che trattano l’argomento".

Come a dire, riportiamo tutto a come era in passato oppure trasformiamo le aree poste a giudizio a verde, con evidente perdita e deprezzamento dei lotti in questione. La proposta, a voler ben vedere, difficilmente potrà trovare accoglienza favorevole. Se ciò non fosse possibile, in ultima analisi, lo stesso Asta invita alle dimissioni i consiglieri comunali incompatibili al voto, per permettere alla città di dotarsi repentinamente dell’importante strumento urbanistico.