Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 720
POZZALLO - 12/04/2011
Attualità - Pozzallo: la proposta del consigliere comunale

Viva: "Accesso al credito facilitato per prima casa"

Interessati le giovani coppie sposate da due anni o che si sposeranno entro il prossimo biennio
Foto CorrierediRagusa.it

Facilitare l’accesso al credito per la prima casa alle giovani coppie che si stanno per sposare e diminuire «sensibilmente» la pressione fiscale su di esse. È l’obiettivo del consigliere comunale «indipendente», Fabio Viva (foto), impegnato nella difficile impresa di dare un tetto, a costi contenuti, a quanti (e sono molti) preferiscono affittare o comprare casa nella vicina Marina Marza, in territorio ispicese, o nella frazione di Marina di Modica, dove le case, in affitto o in vendita, costano di meno.

Viva ha le idee ben chiare. "Porterò in Consiglio Comunale questa mia iniziativa – afferma Fabio Viva – per due aspetti: uno perché è dovere anche dell’Ente essere a disposizione dei cittadini e l’altro per rendere appetibile il nostro territorio a nuovi insediamenti, in un processo di svecchiamento della popolazione locale. Molti giovani, difatti, preferiscono andarsene da Pozzallo privilegiando centri vicini, dove si spende meno. Se il Comune interverrà a favore delle giovani coppie, questa dispersione si attenuerà, a favore anche di un incremento del numero della popolazione pozzallese".

Destinare un capitolo di spesa del bilancio comunale per l’erogazione di buoni casa o di contributi in conto interesse alle giovani coppie che intendono acquistare la casa è l’obiettivo primario. Interessati, le giovani coppie sposate da due anni o che si sposeranno entro il prossimo biennio.

Altro obiettivo che Viva presenterà in Civica Assise, il potenziamento dei servizi per l’infanzia, offerti da strutture che non siano necessariamente in mano ai privati.