Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1083
POZZALLO - 15/03/2011
Attualità - Pozzallo: sanzioni soprattutto per guida senza casco

Pozzallesi più indisciplinati nel 2010, multe raddoppiate

Il «picco» di multe nel periodo estivo

Più di 450 sanzioni per guida senza casco sulle strade di Pozzallo per il solo 2010, quasi il doppio rispetto al 2009. Il numero di multe è il più alto mai registrato in città. E da qualche mese, i vigili urbani hanno iniziato a sanzionare anche chi il casco lo indossa, ma non omologato.

"Una novità che ha colto i pozzallesi impreparati – spiega il comandante in seconda del Comando di Polizia Municipale, Rosario Iozzia - professionisti e studenti, ragazzini e adulti ci guardano con gli occhi sgranati quando spieghiamo loro la legge".

Per questo gli agenti hanno iniziato a muoversi su un doppio fronte: da un lato le prime sanzioni, dall’altro una campagna di sensibilizzazione al fine di far indossare (ben allacciato) anche il casco. Il codice della strada non prevede l’obbligo della contestazione per questo tipo di infrazione. Ai vigili urbani basta annotare le targhe, senza la necessità di fermare il conducente o il passeggero del motorino. Moltissimi verbali sono stati inviati direttamente a casa, dopo l’intervento di pattuglie ferme ai posti di blocco o in perlustrazione a piedi.

Il «picco» di multe, nel periodo estivo. Si è arrivati anche a sanzionare anche 10 motociclisti in un giorno. Un record poco edificante, per una città con quasi 20 mila abitanti. Solo lo scorso fine settimana, ben cinque posti di blocco, fra venerdì e domenica, in piazza delle Rimembranze e in via Torino, centri nevralgici della viabilità cittadina. Le sanzioni? "Tante – assicura Iozzia – Da parecchie settimane, la «tolleranza zero» è di casa, a Pozzallo".

Non solo sanzioni. In questi giorni, i vigili urbani hanno fatto visita alle attività commerciali di via Papa Giovanni XXII e del corso Vittorio Veneto. L’obiettivo è l’acquisizione delle richieste dei commercianti in materia di sicurezza urbana al fine di individuare misure correttive finalizzate a rimuovere quegli elementi che creano disagi e insicurezze nei cittadini. "Non è mai stato effettuato – dichiara Iozzia – un controllo sulle esigenze, di natura viaria o di logistica, che hanno i commercianti. Sono arrivati presso il Comando molti utili suggerimenti".

Infine, le telecamere a circuito chiuso nel centro storico. "Stiamo ancora aspettando. Il sindaco di Pozzallo, Sulsenti, è andato nei giorni scorsi in Prefettura, a Ragusa al fine di sollecitare il tutto. Restiamo ancora in attesa".