Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 783
POZZALLO - 04/01/2008
Attualità - Pozzallo - Imbrattati con spray dai colori vivi i muri delle case

Bulli di capodanno in città:
il sindaco sporge denuncia

Nel mirino dei vandali anche alcuni automezzi comunali Foto Corrierediragusa.it

Il fenomeno bullismo sembra in aumento anche a Pozzallo. Non è, infatti, raro né tantomeno piacevole vedere le mura di alcune abitazioni private imbrattate con scritte indecifrabili e disegni osceni. Ma se per il passante è un fastidio, nel caso dei cittadini colpiti si tratta anche di un danno economico.

Le strutture scelte sembrano essere quelle più nuove o simboliche per la città, visto che anche la villa comunale e la scuola Rogasi, sembrano non avere scampo, né tantomeno antidoti contro questi «artisti dell’idiozia».

L’ultimo fenomeno sembra essere accaduto la notte di Capodanno, notte degli eccessi e delle stravaganze e, a quanto pare, anche di grande stupidità.

Stavolta ad esser stati colpiti non sono state solo alcune abitazioni private, ma anche alcuni automezzi comunali. Si tratta nello specifico di alcuni scuolabus che sono stati imbrattati da vernice indelebile, non solo nelle fiancate, ma anche nei vetri.

Insomma, ancora una volta bullismo e ancora una volta inciviltà. Ma questa non è di certo arte! Ad ogni opera corrisponde un nome, ma ovviamente gli autori di questi gesti si nascondono dietro nomignoli improponibili, e non usano tele ma tutto ciò che attira la loro creatività bacata, senza alcun rispetto per ciò che è degli altri o anche degli altri.

Così se il sindaco Peppe Sulsenti ha già sporto denuncia contro ignoti, non resta che augurarci che tra le cose vecchie che l’anno appena trascorso si è portato via rientri anche la stupidità di questi "artisti".