Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 930
POZZALLO - 13/02/2011
Attualità - Pozzallo: trasferiti da Lampedusa in nave

144 immigrati ospiti del centro di accoglienza di Pozzallo

Il gruppo è arrivato nella notte. Protezione civile mobilitata per fornire assistenza. Prefettua e Asp 7 lavorano in sinergia

Ponte tra Lampedusa, Porto Empedocle e Pozzallo. All’alba di domenica sono arrivati 144 migranti tunisini, tutti adulti di sesso maschile. A bordo di un autobus il gruppo di immigrati è arrivato al porto di Pozzallo ed è stato ospitato nel centro di prima accoglienza gestito dalla Protezione Civile. I 144 tunisini sono stati trasferiti da Lampedusa, dove ormai è vera e propria emergenza, in nave a Porto Empedocle e da qui a Pozzallo dove resteranno per qualhe giorno prima di essere avviati ai centri governativi di assistenza.

La Protezione Civile ha assistito gli immigrati con pasti caldi, coperte, e cure mediche. La situazione è tenuta sotto controllo dalle forze dell’ordine anche se non si sono registrati problemi di sorta. L’emergenza deflussi migratori dalla Tunisia ha indotto il governo ad allestire anche una tensostruttura a Rosolini nell’area della Protezione civile dove potranno essere ospitati circa 500 persone.

In provincia la Prefettura sta operando in sinergia con l´Asp 7. Sono attivi gli ospedali di Ragusa, Modica, Vittoria e Comiso per le emergenze e non solo, come conferma il primario del pronto soccorso del "Maggiore" di Modica Carmelo Scarso, in qualità di referente provinciale per l´accoglimento degli immigrati negli ospedali. "Siamo pronti a fornire tutte le cure necessarie agli immigrati - dichiara Scarso - con la predisposizione di aree attrezzate negli ospedali e l´invio di medici e personale infermieristico in loco, se sarà necessario".