Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 986
POZZALLO - 21/09/2010
Attualità - Pozzallo: futuro incerto per la struttura?

Stazione passeggeri porto: ci sono il soldi, Ammatuna frena

"È necessario – suggerisce il parlamentare – attivarsi al ministero Sviluppo economico e il dipartimento regionale Programmazione per cercare di recuperare il finanziamento" Foto Corrierediragusa.it

L’assessorato regionale al Territorio e dell’Ambiente ha approvato il progetto presentato dalla Provincia Regionale di Ragusa per la stazione passeggeri del porto di Pozzallo. La struttura costerà un milione 600 mila euro e comprende la costruzione di un complesso edilizio con un nucleo centrale di servizio e smistamento, attorno al quale gravitano vari locali da adibire a bar, a sede bancaria, uffici operativi e turistici, nonché negozi di artigianato e merci varie.

Non mancheranno gli uffici che i militari della Capitaneria di porto di Pozzallo, delle Fiamme Gialle, dei Carabinieri e della dogana dovranno gestire, oltre alla presenza del personale della compagnia marittima che hanno in gestione il servizio di trasporto dei turisti da Pozzallo verso Malta.

Ma intanto il deputato regionale Roberto Ammatuna (nella foto) teme che il finanziamento relativo alla stazione passeggeri del porto possa perdersi. Sono le conseguenze delle lungaggini burocratiche che hanno interessato la struttura. «È necessario – suggerisce il parlamentare – attivarsi al ministero Sviluppo economico e il dipartimento regionale Programmazione per cercare di recuperare il finanziamento. Sarebbe utile anche che il presidente della Provincia organizzi un incontro con i rappresentanti istituzionali e le parti interessate per cercare di risolvere la vicenda».

Al momento, secondo Ammatuna, di certo c´è solo l´approvazione del progetto da parte dell´assessorato regionale Territorio e ambiente. Il resto è tutto da svelare, a partire dallo stop, decretato dal ministero dello Sviluppo economico che ha indotto la società di gestione del patto territoriale, la Sosvi, a bloccare le risorse.