Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 353
POZZALLO - 21/09/2010
Attualità - Pozzallo: la denuncia del sindacato autonomo Isa

Assistenza domiciliare, a Pozzallo diventa un "lusso"

Vi sono anziani che sarebbero costretti a pagare anche 14 euro e 50 centesimi all’ora

Tariffe tutt’altro che politiche quelle che devono pagare gli anziani pozzallesi, da quando e’ stato affidato il servizio alla Cooperativa Genesi di Messina. E´ quanto sostenuto dal segretario provinciale del sindacato autonomo Isa Giorgio Iabichella.

Secondo Iabichella, per i prossimi tre anni la stragrande maggioranza delle persone anziane pozzallesi dovranno cercare altre forme di assistenza domiciliare, poiche’ quella fornita dal Comune, tramite la Cooperativa Genesi, e’ diventata inaccessibile visto che vi sono anziani che sarebbero costretti a pagare anche 14 euro e 50 centesimi all’ora per permettersi il "lusso" di un’assistente domiciliare.

"La tariffa media nazionale utilizzata per assistere gli anziani, senza contributi del Comune - conclude Iabichella - e’ inferiore a dieci euro, mentre a Pozzallo, a fronte di un importo massimo orario di quattro euro, pagato dai cittadini del comune rivierasco fino a maggio scorso, oggi, e per i prossimi tre anni, dovrebbero sborsare oltre quattordici euro".

Alla luce di ciò, molti anziani non vogliono piu’ il servizio «concesso» dal Comune di Pozzallo perche’ troppo caro per le loro possibilità economiche, e molti lavoratori della Cooperativa Genesi rischiano di perdere il loro posto di lavoro, poiche’ i loro orari di lavoro sono stati dimezzati, anche se non per tutti.

Il sindacato Isa sta verificando eventuali rischi di perdite di posti di lavoro e sta denunciando alle associazioni dei consumatori e al Prefetto di Ragusa quanto sta accadendo a Pozzallo, visto che il servizio concesso dal Comune non è per niente «concorrenziale».