Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 838
PALERMO - 04/05/2010
Attualità - La Sicilia prima regione vinicola italiana al Concours de Bruxelles

A Palermo incoronati i migliori vini del mondo

L’Italia la maggior produttrice di vini al mondo con le sue 17 medaglie ha decisamente battuto la Francia
Foto CorrierediRagusa.it

La Sicilia si conferma la prima regione vinicola italiana e colleziona medaglie all’edizione 2010 del «Concours de Bruxelles» che si è tenuta a Palermo.

La manifestazione è la più autorevole rassegna della produzione vinicola mondiale ed ha visto in gara 6.624 vini e 340 alcolici, giudicati da 275 degustatori in rappresentanza di 40 nazionalità che hanno decretato che sono i francesi i migliori vini del mondo. Seguono quelli spagnoli e, al terzo posto, viene l´Italia, al cui interno si distingue la Sicilia con le sue produzioni pregiate (77 medaglie su 228 assegnate a vini italiani), surclassando il Veneto (41 medaglie) e la Toscana (28). Tra i siciliani emerge il Kilim Rosso Igt Sicilia di Alcamo.

A livello mondiale, miglior spumante è risultato lo Champagne Baron-Fuenté Grand Cru Brut (Francia), miglior bianco il Viu Manent Chardonnay Reserva 2009 (Cile), miglior rosé il Casal da Coelheira Rosé 2009 (Portogallo), miglior rosso il Michel Torino Don David Tannat 2008 (Argentina), miglior vino dolce il Lustau Solera Reserva Pedro Ximénez San Emilio (Spagna) e miglior alcolico la Tequila Espol¢n Reposado (Messico).

Ai vini francesi (2277 campioni), peraltro, sono state assegnate 606 medaglie, 378 a quelli spagnoli, che hanno presentato 1.394 etichette e 228 ai vini italiani su 949 campioni esaminati, 45 in più rispetto all´edizione del Concours svoltasi a Valencia nel 2009. Da precisare che è l´Italia la maggior produttrice di vini al mondo e che quest´anno, in fatto di Gran Medaglie la Spagna con le sue 17 ha decisamente battuto la Francia, seconda produttrice mondiale di vino, alla quale ne sono andate solo 14.

L´Italia, invece, ne ha ottenute cinque, quante il Portogallo e la metà del Cile che, nella classifica mondiale si sono classificati, rispettivamente al quarto e al quinto posto. Delle altre quattro Gran Medaglie assegnate a vini italiani, ne sono andate una ciascuno al Trentino, alla Puglia, alla Calabria e al Molise.

Tra i 353 campioni di vini siciliani esaminati il miglior punteggio, a parte il Kilim rosso di Alcamo, premiato con la Gran Medaglia d´oro, è stato ottenuto dal Chiarandà 2007 (Contessa Entellina Doc) di Donnafugata, il Cimillya 2007, un passito di Pantelleria Doc, il Rosa di Nero 2009, un rosato Igt Sicilia di Sciacca e, infine, per gli spiritueux, il Limoncello di Sicilia. Nel loro complesso, le etichette siciliane premiate con medaglie d´ro sono state 25, mentre 51 sono quelle a cui è andata la medaglia d´argento.

Per la prima volta inoltre i vini siciliani bianchi insigniti con l´oro, ben 12, superano i rossi (8) a cui vanno aggiunti i passiti e i vini liquorosi (2) e un rosato. Tra le medaglie d´Argento prevalgono i vini rossi con 36 medaglie, seguono i bianchi con 12 riconoscimenti e, infine, i vini liquorosi e gli spiritueux con tre.