Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 943
PALERMO - 11/07/2014
Attualità - I risultati ufficiali dei test Invalsi che si sono svolti alla fine dell’anno scolastico

Studenti siciliani bocciati in italiano e matematica

L’arretratezza della scuola siciliana resta una palla al piede di tutta la società e ne pregiudica lo sviluppo perchè senza istruzione e livelli adeguati di competenza affrontare il futuro è sempre più difficile Foto Corrierediragusa.it

Sono discussi, e forse anche discutibili, ma non c´è dubbio che i test Invalsi sono una fotografia oggettiva dello stato di salute della scuola italiana soprattutto per quanto riguarda i livelli di apprendimento. Ancora una volta le regioni meridionali e la Sicilia in particolare escono con le ossa rotte dalle prove che l´Istituto nazionale di valutazione ha condotto in alcune classi delle elementari, medie e superiori alla fine dello scorso anno scolastico.

Soprattutto nelle classi liceali il dato è sconfortante e relega gli studenti siciliani all´ultimo posto in graduatoria nazionale. I liceali siciliani escono battuti anche nel raffronto con i loro coetanei degli istituti tecnici e professionali del centro e nord Italia anche se il divario, in generale, si riduce. In Italiano e Matematica infatti i giovani siciliani hanno accorciato le distanze pur restando ancorati all´ultimo posto. Se la media nazionale è infatti fissata a 200 punti la scuola siciliana si piazza in queste due materia al di sotto, 186 Italiano, e 189 Matematica, mentre in Emilia Romagna la quota è di 206 e nelle Marche di 207 punti. Ancora peggio per Matematica nei test somministrati ai ragazzi della terza media. Basti pensare che tra la Sicilia ed il Friuli ci sono ben 31 punti di differenza e 35 con Trento.

E l´Italiano non va meglio, anzi! Perchè rispetto ad una media nazionale di 212 punti in Sicilia si toccano appena 198 punti. I test Invalsi mettono dunque il dito nella piaga di una scuola che non riesce a crescere ed evidenzia ancora una "questione meridionale" irrisolta anche nel campo dell´istruzione. Ci sono realtà difficili nelle aree metropolitane, disaffezione, mancanza di motivazioni e disinteresse negli alunni, ma è anche vero che la classe docente è poco ricettiva a nuove metodologie e refrattaria a cogliere il cambiamento e la sfida che un test, pur perfettibile come quello dell´Invalsi, può comportare. L´arretratezza della scuola siciliana resta una palla al piede di tutta la società e ne pregiudica lo sviluppo perchè senza istruzione e livelli adeguati di competenza affrontare il futuro è sempre più difficile.