Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 794
PALERMO - 11/04/2013
Attualità - Lo ha deciso la Giunta di governo per gestire la transizione verso lo scioglimento degli enti

Giovanni Scarso resta come commissario alla Provincia

Anche a Catania confermato l’attuale commissario. Un viceprefetto a Trapani

Giovanni Scarso resta al suo posto di commissario straordinario alla Provincia. In pratica il commissario succede a se stesso visto che il suo mandato era scaduto e Scarso si era accomiatato dall’ente. Giovanni Scarso si è detto contento di restare ed assicura da questo punto di vista la continuità.

Queste le sue parole: " Continuare a servire l’Istituzione Provincia è un onore ma anche un riconoscimento al lavoro svolto in questi dieci mesi. Un impegno che il prefetto di Ragusa ha valutato positivamente e di questo gliene sono grato. Ora inizia una seconda fase che spero non sia solo quella dell’emergenza finanziaria ma anche della programmazione cercando di rendere questo Ente protagonista sino all’ultimo della sua attività e al servizio della comunità iblea, puntando ad inaugurare le opere pubbliche che aspettano di essere completate e lavorando per assicurare i servizi sociali sino alla fine agli studenti disabili che finora abbiamo mantenuto a fatica evitando dolorosi tagli».

La riconferma è arrivata da Palermo visto che la Giunta di governo ha dato il via libera alla nomina dei nuovi commissari a Catania, Ragusa e Trapani. Nelle prime due provincie riconferma sia per Antonella Liotta sia per Giovanni Scarso. A Trapani va invece il viceprefetto vicario di Forlì, Darco Pellos. Pe Caltanissetta il presidente Rosario Crocetta attende le indicazioni della Prefettura visto che si pensa a funzionari prefettizi per guidare la fase di transizione. Sarà così anche per Palermo, Siracusa, Enna, Agrigento e Messina.