Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 709
PALERMO - 20/12/2012
Attualità - Prorogati i contratti fino al 31 luglio ma sono state previste novità

La giunta Crocetta introduce il "precario produttivo"

Il personale sarà utilizzato nella Protezione civile ed una quota del 20 per cento sarà riservata in tutti gli appalti regionali

Rosario Crocetta e la sua giunta introducono il «precario produttivo». E la soluzione che il governo regionale ha trovato ed approvato per sgravarsi del peso del personale precario. I precari con il prossimo anno potranno avere un lavoro normale nella Protezione civile o nei fornitori della Regione vincitori di un bando, perchè nello stesso sarà previsto che le imprese vincitrici per espletare i servizi dovranno avvalersi di un 20 per cento di personale precario.

«Abbiamo previsto – ha spiegato l’assessore al Bilancio, Lugi Bianchi – un allineamento alla norma nazionale con una proroga fino al 31 luglio. Si tratta di garantire l’intero comparto dei precari della Regione in una fase di tensione sociale. L’obiettivo è ridurre l’impatto finanziario in bilancio con il reperimento di fonti alternative di finanziamento. E’ previsto, ad esempio – ha aggiunto Bianchi – l’utilizzo dei precari nell’ambito delle ordinanze del settore della protezione civile, compatibilmente alle mansioni. Oppure, nei bandi di gara si impone ai fornitori di prevedere che il 20% di personale da utilizzare per espletare l’appalto sia attinto dal bacino».

«Pensiamo che questa razionalizzazione della spesa – ha concluso Bianchi – che coinvolgerà enti e società regionali, potrebbe portare a un notevole risparmio sul bilancio regionale».