Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 780
PALERMO - 07/02/2012
Attualità - Il sindacodice la sua sul tavolo tecnico in riferimento all’assenza di Modica

Buscema su assenza a Palermo su Magliocco: "Complotti"

"Sono accusato senza alcuna palese ragione di assenteismo da quella riunione"
Foto CorrierediRagusa.it

Riceviamo e pubblichiamo in maniera integrale una nota del sindaco di Modica Antonello Buscema sull´assenza del comune di Modica dal vertice operativo svoltosi a Palermo sull´aeroporto di Comiso.

"Rimango stupito e basito da alcun report di giornali on line che sottolineano la mia assenza dal vertice tenutosi ieri a Palermo, nella sede dell’Assessorato regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità, convocato di concerto dal Prefetto di Ragusa, Cagliostro e dall’Assessore regionale, Russo.

Rilevo che il sottoscritto non è stato invitato all’incontro, né l’ente che rappresento può vantare titoli territoriali o motivi di opportunità politica o amministrativa per essere presente a quel vertice dove peraltro erano assenti gli altri otto comuni di questa provincia e nessuno su questo ha mosso rilievi tranne che per Modica.

Secondo una giustificata motivazione erano presenti quegli enti che territorialmente sono da considerarsi gli attori di questa vicenda ovvero i comuni di Ragusa, come capoluogo, Comiso,Chiaramonte Gulfi e Vittoria che hanno interessi diretti in quanto contigui territorialmente con l’aeroporto.

Il Sindaco di Modica senza alcuna palese ragione viene accusato di assenteismo da quella riunione, atteso che non ho neanche provveduto a far presenziare un assessore a rappresentare l’ente, e di cui non c’è traccia di notizia, e ragionevolmente non ci poteva essere, nel comunicato stampa sull’incontro palermitano diramato dalla Prefettura di Ragusa nella giornata di ieri.

Il punto di domanda è questo. Chi ha introdotto nei report l’elemento assenza del Comune di Modica dalla riunione palermitana? Non credo che qualche report giornalistico possa aver dedotto ciò che non era nelle cose attesa l’evidenza che non c’era alcuna necessità di invitare o di avere all’incontro il Comune di Modica.

C’è in atto,credo da parte di qualcuno, il tentativo bieco, oscuro di perseguire una campagna di disinformazione, a base di falsità, riflessioni spropositate e fuori dalla realtà, per colpire questo sindaco e la sua amministrazione. E’ un modo scorretto e barbaro di affrontare le questioni politiche che vanno invece sottoposte in modo aperto e trasparente senza la necessità di dover ricorrere a questi mezzucci che facilmente si individuano dimostrando la bassa lega di azioni denigratorie alle quali risponderò non solo per tutelare il mio nome e quello della giunta ma soprattutto quello della Città che con queste falsità viene offesa e derisa al di là delle fazioni e della casacca che ognuno riveste e rappresenta".
Il sindaco di Modica Antonello Buscema

IL VERTICE OPERATIVO
Il vertice di ieri a Palermo all´assessorato alle infrastrutture (foto) costituisce il primo passo della road map che porterà alla apertura dell’aeroporto di Comiso. Quattro sono difatti le date fissate nel vertice convocato dal prefetto Giovanna Cagliostro, a partire dalla data odierna. Alla riunione hanno risposto quasi tutti gli attori coinvolti. C’erano i sindaci dei territori interessati, Comiso, Ragusa, Chiaramonte e Vittoria, il presidente della Provincia, i rappresentanti di Enav, Soaco, Sac e delle forze dell’ordine. Assente il comune di Modica, che non ha inviato nessun rappresentante.

L’aeroporto è stato ufficialmente consegnato alla Soaco, la società di gestione della infrastruttura, ha avviato tutti gli adempimenti necessari per giungere, al più presto, all´apertura dello scalo aeroportuale. Tutte le altre istituzioni ed autorità interessate (in particolare, Enac ed Enav per la sicurezza e l´assistenza al volo), infatti, hanno garantito di essere già pronti ad espletare le incombenze di competenza per garantire il funzionamento dell´aeroporto.

Il tavolo tecnico a Palermo è stato presieduto dall’assessore ai Trasporti Pier Carmelo Russo e dal prefetto di Ragusa Giovanna Cagliostro. «L’obiettivo di questo tavolo tecnico – ha detto il sindaco di Ragusa Nello Di Pasquale è quello di siglare la convenzione con la Regione per la destinazione dei 4 milioni e mezzo messi a disposizione dal governo Lombardo perché vengano utilizzati per i servizi di torre a Comiso per i primi due anni con flessibilità h12».

Per il presidente della Sac (Società Aeroporto Catania) Gaetano Mancini «Con l’incontro di Palermo abbiamo risolto alcuni problemi che riguardano soprattutto i controllori di volo, ma è quasi certo che Enav gestirà l’assisenza al volo. Dovrebbe essere la penultima riunione prima dell’effettiva apertura tra sei mesi».

Per il prefetto di Ragusa Giovanna Cagliostro e per l’assessore regionale Pier Carmelo Russo «L’inaugurazione avverrà entro l’anno e insieme con la Regione lavoreremo affinché ciò accada. Presupponiamo che l’aeroporto possa essere aperto entro la prima metà dell’anno, forse a giugno».

La seconda scadenza è quella di venerdì 9 quando è stato programmato un sopralluogo all’aeroporto per rendersi conto di presenza di quello che ancora serve. Lunedì 12 invece il prefetto ha riconvocato il tavolo tecnico in prefettura per fare il punto della situazione. Il 15 infine è atteso il completamento della pratica aeroporto con la firma del decreto da parte del Ministero a Roma nella sede dell’Enav per assicurare l’assistenza al volo anche se materialmente i soldi sono stati assicurati dalla Regione almeno per il primo anno di operatività. L’apertura dell’aeroporto è insomma ormai dietro l’angolo e se non si potrà volare per l’estate sembra ormai certo che dall’autunno del prossimo anno le compagnie potranno programmare i loro voli.

Se sarà possibile la Soaco intende operare già prima con voli charter al servizio del turismo in provincia e per l’area del sud-est. Tutto da verificare invece l’interesse concreto delle compagnie a programmare voli sullo scalo comisano. Al di là di manifestazioni di interesse da parte di Ryan Air, Meridiana, Air Malta, non si è ancora concretizzato alcunché ma l’accelerazione impressa all’apertura dell’aeroporto servirà anche da stimolo alla Soaco per stringere contatti e rendere operativo al meglio lo scalo.

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA ANTOCI
Il presidente della Provincia Franco Antoci ha partecipato al tavolo tecnico per l´avvio dell´operatività del nuovo aeroporto di Comiso che si è tenuto a Palermo. "Sul tappeto - dice Antoci - vi sono tra le altre cose due questioni aperte. Una che riguarda la convenzione con l´Enav per il servizio di assistenza al volo e un nuovo sito per il deposito carburanti e su queste problematiche è stato istituito un gruppo ristretto per definirle. Al tavolo ho posto anche la questione relativa all´interferenza del Mous di Niscemi con l´attività aeroportuale. I rappresentanti dell´Aeronautica militare hanno risposto che non esiste alcuna interferenza".

IL SINDACO DI COMISO ALFANO SI DICE OTTIMISTA
«Questo incontro è stato convocato di concerto con la Prefettura di Ragusa su disposizione dell’assessore regionale delle Infrastrutture e della mobilità Pier Carmelo Russo il quale torna ad occuparsi ancora e di persona dello stato dell’arte riguardante le operazioni preliminari all’apertura dello scalo comisano – dichiara il sindaco di Comiso Giuseppe Alfano -. Il tavolo tecnico si è insediato al completo con l’aggiunta, per l’occasione, del rappresentante dell’Aeronautica Militare, sulla quale ricade la competenza per lo svolgimento delle operazioni di avvicinamento degli aeromobili alla torre di controllo. La Riunione si è svolta in due sessioni.

La prima si è incentrata sulla verifica di quanto fatto finora da parte di tutti gli enti coinvolti in relazione alle rispettive incombenze. La seconda, si è sostanziata in un incontro più ristretto e tecnico presente ancora l’assessore Russo, nel corso del quale si è stilato un dettagliato calendario di impegni e scadenze a carico di Enac, Enav, Soaco, Comune di Comiso, Regione siciliana e Aeronautica Militare. In buona sostanza, ciascuno ha garantito che nei sei mesi necessari all’Env per rendere operativa la gestione della torre di controllo, porterà a compimento gli adempimenti di propria spettanza. Si è discusso, quindi dell’argomento principale, ossia la firma della convenzione, il cui testo è stato già consegnato a Soaco, Regione siciliana e Comune di Comiso.

Entro il 10 febbraio saranno comunicati all’Enav una serie di chiarimenti e le modifiche da apportare al testo della convenzione. Entro i cinque giorni successivi, l’Enav dovrà rispondere e concordare la data entro la quale effettuare un ulteriore sopralluogo per determinare gli adeguamenti da apportare alla torre di controllo, anche sulla scorta della documentazione che Comune e Soaco hanno inviato all’Enav.

Immediatamente dopo, e meglio chiarito l’importo economico del servizio, sarà sottoscritta la convenzione. Dall’esito della riunione è emerso con chiarezza che i tempi per la firma della convenzione non andranno oltre il 15 marzo. Ancora una volta, inoltre, si è ribadito l’impegno congiunto degli enti presenti al tavolo al fine di ottenere velocemente dallo Stato l’inserimento dell’aeroporto di Comiso nel contratto nazionale di assistenza al volo, In quest’ottica, abbiamo appreso con vivo compiacimento che su richiesta del Governo nazionale e dello stesso Presidente del Consiglio Monti, la Regione siciliana ha indicato l’aeroscalo comisano come infrastruttura di particolare interesse per la Sicilia e che lo stesso è stato inserito in un elenco che verrà inviato all’Unione Europea. Sono pertanto molto soddisfatto dell’esito dell’incontro di quest’oggi e della forte accelerazione data all’apertura dell’aeroporto che ormai presumo sarà funzionante e operativo entro il 2012».

«Nel corso dell’incontro – ha quindi dichiarato il presidente Dibennardo – abbiamo potuto illustrare l’attività finora svolta da Soaco nei mesi scorsi, un certosino lavoro propedeutico ma necessario. Enav, Regione siciliana e Aeronautica Militare hanno assunto impegni precisi e ciò è molto importante. La prossima settimana vedremo di accelerare anche per quanto riguarda il piano industriale dell’aeroporto. Avremo, infatti, una riunione con Ernest Young alla quale interverranno i vertici di Sac, Soaco, Camera di Commercio di Ragusa e Federalberghi. Il piano industriale, già in avanzata fase di definizione, è importante perché raccoglie i dati indicati dal territorio e dettaglia l’operatività dell’aeroscalo ma è altrettanto importante perché è necessario alla certificazione in capo a Soaco. La prima parte di esso, sarà pronta entro la fine di questo stesso mese».


Informatevi ...
07/02/2012 | 12.11.09
Informazione libera.

Modica, come altre cittadine della provicia di Ragusa, non è stata ne informata ne invitata. Informatevi ed informate liberamente.


LE QUATTRO STAGIONI
06/02/2012 | 20.25.36
L´uomo qualunque

Ci avete fatto caso? L´apertura dell´aeroporto viene annunciata ogni anno, da vent´anni, per l´estate prossima, per l´autunno prossimo, per l´inverno prossimo, per la primavera prossima, ciclicamente.
Invece che a Pio la Torre o a Magliocco, dovrebbero perciò intitolare a Vivaldi, che ha musicato le Quattro Stagioni...
E poi, con la stessa frequenza, ogni volta si fa un sopralluogo, forse per vedere se c´è ancora o era solo un miraggio.
Quanto deve durare ancora questa BARZELLETTA?