Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 516
PALERMO - 22/11/2011
Attualità - A proposito di infrastrutture al Sud: Trenitalia sopprime i treni a lunga percorrenza

Collegamenti ferroviari: col nuovo orario a Roma si cambia

Dall’11 dicembre per arrivare a Torino, Milano, Venezia bisogna cambiare a Roma

Con il prossimo orario invernale dall’ 11 dicembre si cambia. Per quanti utilizzano il treno per i collegamenti con il resto della penisola non sarà più possibile partire dalla Sicilia ed arrivare il mattino dopo a Torino, Siracusa, Venezia. Bisognerà infatti cambiare a Roma che diventa la stazione di riferimento per tutti i treni da e per la Sicilia.

Trenitalia addolcisce la pillola rendendo noto che Torino, Milano e Venezia saranno raggiungibili con treni ad alta velocità, «per i quali la clientela siciliana potrà usufruire di prezzi agevolati». Trenitalia assicura anche che si realizzerà «una sensibile riduzione dei tempi di percorrenza complessivi rispetto a oggi. Nessuna modifica è invece prevista per i treni diurni».

Il servizio offerto da Trenitalia oggi conta su 2 coppie di Intercity diurni sulla Palermo-Siracusa-Roma e viceversa; 1 coppia di intercity notte Roma-Messina e viceversa con sezioni da e per Palermo, Siracusa e Agrigento, quest´ultima effettuata con bus; 3 coppie di collegamento giornalieri notturni sulle "relazioni" Palermo-Torino, Milano, Venezia con sezioni da e per Siracusa e viceversa. Il Gruppo Fs «riconosce l´importanza del potenziamento del sistema ferroviario in tutto il Mezzogiorno per i rilevanti aspetti strategici a livello sia internazionale sia nazionale»

Questo nella teoria, perché secondo uno studio di Confartigianato, occorrono 34 minuti in più rispetto al 1975 per raggiungere Roma da Palermo o Siracusa, secondo un rapporto di Confartigianato. Per la Cisl è tutto chiaro «Il nuovo orario di Trenitalia mette la parola fine alla storia dei treni notte Sicilia-Nord Italia e nessuno degli attuali collegamenti diretti dalla Sicilia per Milano, Venezia e Torino resisteranno alla scure dei tagli.

Tutto il traffico passeggeri si fermerà a Roma. Si tratta di una notevole riduzione dell´offerta alla clientela siciliana in termini di qualità e quantità dei posti offerti ma, soprattutto, si snatura la tipologia stessa del servizio notte costringendo la clientela a diversi cambi per viaggiare da un capo all´altro della penisola».