Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 492
PALERMO - 15/11/2011
Attualità - L’audizione presso la 5a commissione Sanità all’Ars ha avuto esiti positivi

Salvi Pronto Soccorso Comiso e Scicli. Le ambulanze del "118" avranno il medico a bordo

Roberto Ammatuna, Pippo Digiacomo, Riccardo Minardo ed Orazio Ragusa hanno spiegato le ragioni del territorio
Foto CorrierediRagusa.it

I Pronto Soccorso di Comiso e Scicli restano in funzione. Non verranno infatti soppressi e le ambulanze al servizio del 118 saranno medicalizzate. Dalla riunione tenuta presso la quinta commissione all’Ars è emersa anche la decisione di mantenere presso il Busacca di Scicli (nella foto) il laboratorio analisi e la radiologia.

E’ soddisfatta la deputazione iblea che stamane ha avuto l’audizione in commissione alla presenza dei dirigenti dell’assessorato alla sanità, Alagna e Murè. La commisisone ha dato mandato al direttore generale dell´Asp, Ettore Gilotta, presente alla riunione, di dare attuazione alle direttive della commisisone. Tutte le richieste avanzate Roberto Ammatuna, Pippo Digiacomo, Riccardo Minardo ed Orazio Ragusa sono state dunque accolte grazie anche alla documentazione ed alle argomentazioni addotte basate sulle istanze e le attese del territorio; oltre un mese di dibattitot e di confronto non haa fatto altro che mettere in chiaro le contraddizioni di una decisione che avrebbe penalizzato i servizi offerti dagli ospedali di Comiso e Scicli.

Sembra lecito a questo punto chiedersi come e perchè certe decisioni vengano prese se poi si è costretti a fare un passo indietro. Sarebbe il caso sentire, valutare, confrontarsi, esaminare pro e contro e poi adottare provvedimenti saggi ed inattacabili sotto ogni punto di vista.

Questo modo di procedere determina confusione nell´opinione pubblica, fa pensare che la politica, e non la sana amministrazione, siano la chiave di accesso alla stanza dei bottoni, ed alla fine a rimediare cattive figure sono i rappresentanti delle istituzioni a tutti i livelli.