Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 848
PALERMO - 01/11/2011
Attualità - Il presidente della Regione lo ha chiesto alla Direzione generale della Agenzia delle Entrate

Sotto gli 8mila euro nessuna iscrizione ipotecaria

La battaglia di imprenditori ed artigiani è stata sostenuta anche dalla Chiesa

Stop alle iscrizioni ipotecarie per debiti al di sotto della soglia di 8mila euro e procedure più semplici per la rateizzazione di quanto dovuto. È quanto ha chiesto il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, in una lettera inviata alla Direzione regionale della Sicilia dell´Agenzia delle Entrate.
La lettera prende le mosse da una serie di allarmi lanciati dalle associazioni dei consumatori e imprenditoriali sostenute, in questa vertenza, dalle Chiese locali della Sicilia sud-orientale che operano per la ricerca del bene comune.

Sono stati infatti tre vescovi, quello di Siracusa, di Noto e di Ragusa,a scendere in campo in difesa dei piccoli e medi imprenditori, di artigiani, che non riescono a far fronte alle iscrizioni ipotecarie. La mobilitazione nella provincia di Ragusa e di Siracusa è molto forte da tempo ed è riuscita anche a coinvolgere attorno al problema la Chiesa al suo più alto livello visto che la serenità delle famiglie è messa in discussione da provvedimenti che vengono ritenuti vessatori.

Lo scorso 3 agosto Lombardo aveva inviato analoga missiva alla Società Riscossione Sicilia e alla Serit-Sicilia che, a loro volta avevano interessato l´Agenzia delle Entrate per ottenere il parere preventivo anche dall´Amministrazione finanziaria dello Stato.

Ora la Regione sollecita l´intervento dell´Agenzia delle Entrate a favore di questo auspicato allentamento della morsa fiscale. «Si richiede cortesemente - conclude il Presidente della Regione - di intervenire per mitigare le crescenti difficoltà finanziarie in cui versa l´attuale tessuto socio-economico isolano attenuando le misure cautelari e alleggerendo gli indicatori e i coefficienti di calcolo per consentire un più agevole accesso alle dilazioni di pagamento».