Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 622
PALERMO - 13/02/2011
Attualità - Palermo: il governo Lombardo pesca dirigenti al Nord

Formazione, la Regione importa dal Piemonte

Nel 150° anniversario, il governatore e l’assessore Centorrino affidano il delicato settore della Formazione professionale a un burocrate piemontese
Foto CorrierediRagusa.it

Un piemontese è il nuovo dirigente generale del Dipartimento dell’Istruzione e della Formazione professionale della Regione Siciliana. Sì, avete letto bene, è un piemontese! Una tale notizia, a poche settimane del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, sa tanto di boutade, di scherzo, di quel buontempone del presidente della Regione, una sorta di carnevalata che ha voluto fare ai Siciliani. Il richiamo in servizio in Sicilia di un piemontese, con perfetta scelta cronotopica rispetto all’evento del 150°, non può che essere frutto di una mente raffinata, della mente raffinata di un vero leader, di un vero leader autonomista. Come Raffaele Lombardo, appunto.

Non vale qui la pena di insistere sulla propensione del Governatore agli scherzi, i Siciliani lo sanno bene quanto Lombardo ami sorprenderli. E’ da tre anni che s’ingegna per sorprenderli. Con risultati eccellenti, bisogna riconoscerlo. Stavolta si è superato, ha azzeccato la scelta, piazzando l’uomo giusto al posto giusto: Ludovico Albert (foto), già direttore dell´Istruzione, Formazione professionale e Lavoro della regione Piemonte, cioè un superburocrate piemontese, al Dipartimento regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale. Bisogna essere franchi: si tratta di una scelta che rappresenta quanto di meglio e di più sottile quella mente brillante del leader dell’MpA potesse inventarsi per stupire i Siciliani in prossimità della più ghiotta delle occasioni, quella appunto del compleanno dell’Unità d’Italia.

Che fortuna, per i Siciliani, sapere di essere governati da una lenza di tal fatta: in momenti bui e di grave crisi come gli attuali occorre saper coniugare la tristezza del quotidiano con una buona dose di ottimismo. E a questo ci pensa Raffaele. Per fortuna che Raffaele c’è! Per fortuna che la nomina di Ludovico Albert è solo uno scherzo. Solo il pensiero che possa essere tutto vero mette l’angoscia. Sarebbe come dire che in Sicilia non c’è nessuno in grado di dirigere il Dipartimento per eccellenza, quello destinato a disegnare il futuro dei Siciliani di domani, appunto attraverso la scuola e la formazione professionale. A quel punto verrebbe da chiedersi se è stato scelto un piemontese per congenita incapacità dei colleghi siciliani o per altre motivazioni, nella speranza che di mezzo non ci sia una misera spartizione di poltrone fra gli azionisti del Governo della Regione Siciliana.
No! No, ci rifiutiamo di crederlo possibile. Sicuramente è ancora uno degli scherzi che il Governatore ama regalare ai Siciliani, per farli vivere meglio. Allegri e spensierati, così li vuole Raffaele Lombardo. Per fortuna che Raffaele c’è.