Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1202
PALERMO - 08/08/2010
Attualità - Palermo: continua l’emergenza sulla produzione del latte nell’isola

Crisi produttori latte: prezzi bassi, perdite garantite

In testa la provincia di Ragusa con quasi 800 allevamenti di lattifere in produzione e una commercializzazione pari a un milione e 325 mila quintali

In Sicilia un litro di latte vaccino viene pagato agli allevatori 33,50 centesimi, in Lazio 38,50. Questa disparità ha suscitato molte proteste tra gli allevatori i quali versano in notevoli difficoltà.

Alessandro Chiarelli, commissario dell’ARAS, si chiede: «Quante azioni le istituzioni del settore avrebbero potuto mettere in campo per imporre la dovuta trasparenza nell’origine e nella filiera completa nella commercializzazione dei prodotti della nostra terra? Solo aggrappandosi ad attività integrative fino ad oggi è stato possibile salvare economicamente molti allevamenti. Quanto deve durare l’emergenza?»


Il problema è stato posto all’attenzione delle istituzioni e degli organismi di settore. Titti Buffardeci, assessore regionale alle Risorse Agricole ha annunciato che nei prossimi giorni convocherà i rappresentati di «Assolatte»: «Non siamo più disposti a tollerare la politica dei prezzi del latte praticata da Assolatte - ha dichiarato - agli allevatori siciliani si riconosce un compenso non in linea con il resto d’Italia. Non siamo disposti a vedere strozzare il comparto da parte di gruppi di potere industriale».

La Coldiretti siciliana nei giorni scorsi ha inviato un telegramma a tutti i prefetti dell’Isola e al presidente della Regione per chiedere «l’immediata attivazione di un tavolo».