Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 619
MONTEROSSO ALMO - 02/09/2009
Attualità - Monterosso Almo: a causa dei mancati trasferimenti regionali

Monterosso nel baratro del collasso finanziario

L’Ente si trova a gestire una gravissima situazione per la mancanza di fondi, al punto tale che non potrà, probabilmente, assicurare il pagamento dei fornitori e l’accreditamento degli stipendi al proprio personale

Il primo Comune della provincia di Ragusa a fare i conti con la grave inadempienza della Regione siciliana che non ha ancora accreditato la seconda trimetralità dei fondi del 2009, è proprio Monterosso Almo.

Questo Ente si trova a gestire una gravissima situazione per la mancanza di fondi, al punto tale che non potrà, probabilmente, assicurare il pagamento dei fornitori e l’accreditamento degli stipendi al proprio personale. Esattamente quanto ha denunciato il coordinatore provinciale dell’Anci, Giuseppe Nicastro, sindaco di Chiaramonte Gulfi, in merito alle inadempienze del Governo regionale.

Nel tentativo di sbloccare questa situazione difficilissima, il sindaco Salvatore Sardo ed il presidente del consiglio comunale Salvatore Pagano, hanno raggiunto l’Assessorato regionale alle Autonomie Locali. Alla fine di un po’ di sali e scendi dai vari piani dell’Assessorato, sconsolati sono rientrati in sede. A Palermo tutto tace, in barba alle difficoltà che devono gestire i Comuni.

Ma Sardo, come si sa non demorde. Cosi ha preso carta e penna ed ha scritto testualmente: « Per l’ennesima volta si è registrato lo stato d’assoluta assenza della Regione Sicilia nei confronti dei Comuni, in relazione all´erogazione dei fondi ordinari e delle trimestralità dovute, la cui mancanza è causa di un grave blocco contabile e amministrativo che impedisce l’emissine di tutti i mandati di pagamento ad imprese, associazioni, professionisti e dipendenti comunali.

Un fatto così grave non si era mai verificato. Siamo in piena paralisi, ha poi aggiunto il Sindaco, e sul piano istituzionale ci troviamo di fronte ad un Governo Regionale che a distanza di un anno dimostra tutta la sua insensibilità e inadeguatezza nei confronti di chi ogni giorno opera sul territorio e non riesce più a dare risposte ai tanti bisogni della collettività». Ma la sua esternazione non è fine a se stessa. Infatti, il primo cittadino ha invitato alla mobilitazione i parlamentari regionali e tutti i Sindaci, «affinché presto si possa porre fine ad una situazione ormai insostenibile e al limite della vergogna istituzionale e politica».