Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 387
MODICA - 30/07/2010
Attualità - Modica: per il mancato pagamento degli stipendi

Modica: operatori ecologici in stato di agitazione

Una ventina di netturbini hanno anche forzato il blocco degli uscieri e si sono accomodati nella stanza di Antonello Buscema
Foto CorrierediRagusa.it

Hanno chiuso il turno di lavoro e si sono dati appuntamento nei corridoi di palazzo S. Domenico. Una ventina di operatori ecologici hanno anche forzato il blocco degli uscieri e si sono accomodati nella stanza di Antonello Buscema (nella foto). «Vogliamo risposte sul nostro futuro –hanno detto al sindaco- Siamo in arretrato di una mensilità e della 14ma ma sappiamo che il nostro datore di lavoro è in difficoltà e ci sono problemi con i pagamenti». Gli operatori ecologici hanno riassunto così la loro vertenza anche se non intendono, almeno al momento scioperare.

Dicono convinti «Lavoreremo regolarmente in questi giorni in attesa che la situazione si chiarisca ma siamo in agitazione; vogliamo soprattutto certezze». A palazzo S. Domenico era presente anche Giorgio Puccia titolare della impresa che svolge il servizio di raccolta rifiuti in città «L’amministrazione e soprattutto gli uffici –dice Giorgio Puccia – sono in ritardo con la contabilità arretrata. Non sappiamo quanto dobbiamo avere; da nove mesi a questa parte svolgiamo il nostro lavoro ma gli uffici hanno emesso pagamenti solo all’ottanta per cento e non ci hanno mai notificato quanto ci è dovuto. Io sono stanco di anticipare somme e da questo momento non ho più disponibilità. Se non ricevo le somme che mi sono dovute i lavoratori non potranno essere pagati». Secondo un calcolo dell’impresa, non confermato dall’amministrazione, finora sono stati erogati pagamenti per 930 mila euro in otto mesi a fronte di un costo mensile che si aggira sui 300 mila euro. Inoltre l’Ato Ragusa per via della morosità del comune per il pagamento di somme arretrate ha bloccato alcuni trasferimenti all’impresa Puccia.

I lavoratori hanno manifestato la loro preoccupazione al sindaco che ha convocato i funzionari e l’assessore Tiziana Serra per capire come scongiurare azioni dirompenti degli operatori ecologici. Gli uffici dovranno predisporre al più il piano completo dei pagamenti e delle somme dovute all’impresa per capire quanto ancora dovuto. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di scongiurare uno sciopero dei lavoratori e di predisporre un pagamento alla impresa Puccia per pagare lo stipendio arretrato. I lavoratori ritorneranno con una delegazione già oggi a palazzo S. Domenico e continueranno a riunirsi in assemblerà alla fine dei turni di lavoro.