Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 934
MODICA - 26/07/2010
Attualità - Modica: il simposio di scultura internazionale promosso dall’associazione Contea di Modica

A Modica 5 scultori per le "Fatiche di Ercole"

Martin Gerull, Orazio Barbagallo, Matteo Cannata, Koh-emon Hattori, ed Andrea Mazzotta impegnati nell’atrio di palazzo S. Domenico
Foto CorrierediRagusa.it

Cinque scultori per «le Fatiche di Ercole». Dopo l’apertura del simposio di scultura i cinque artisti hanno cominciato a lavorare con scalpello e martello, assistiti da un potente compressore, nell’atrio comunale di palazzo S. Domenico per quella che sarà una settimana all’insegna della scultura che si concluderà domenica. Molti i curiosi, tra cui tanti turisti, che si sono avvicinati ai blocchi di pietra sui quali si intravedono già le prime forme.

La manifestazione è promossa dal centro studi sulla Contea di Modica di cui è presidente Paolo Failla che spiega il senso del simposio «Abbiamo preso spunto dalla presenza presso il nostro museo civico della statuetta dell’Ercole di Cafeo, finora secondo la nostra opinione non valorizzata a dovere. L’Ercole di Cafeo ci ha dato lo spunto per offrire il tema ai cinque scultori che lavoreranno per una settimana su un blocco di una tonnellata di calcare duro per modellare una della fatiche del mitico eroe. Sono sicuro che i risultati saranno di qualità».

I cinque scultori invitati al simposio sono Martin Gerull, tedesco, operante a Milano; Orazio Barbagallo di Monza, Matteo Cannata di Ribera, oggi a Milano, Koh-emon Hattori, giapponese da anni trapiantato in Italia, Andrea Mazzotta del Liceo Artistico di Brera (nella foto) Ai cinque scultori sono affiancati otto studenti di scultura del liceo artistico «Tommaso Campailla» che aiuteranno gli artisti nella realizzazione delle loro opere. Nell’ambito del simposio promosso dal centro studi il liceo artistico di Brera ed il Liceo Campailla hanno avuto modo di perfezionare un gemellaggio tra le due scuole che si concretizzerà nel corso del prossimo anno scolastico. Gli stessi studenti del liceo modicano presentato alcuni dei loro lavori in una mostra collaterale a quella degli artisti coinvolti nel simposio che si tengono a palazzo della cultura.

Quattro delle cinque opere realizzate saranno donate dal centro studi alla città e sistemate in angoli caratteristici del centro storico; una scultura invece sarà donata all’amministrazione provinciale e sistemata all’ingresso di palazzo del Fante. «La pietra- ha detto il sindaco Antonello Buscema- è uno degli elementi caratterizzanti del nostro territorio. Arte e pietra sono un felice connubio ed il simposio di scultura veicolerà una immagine nuova ed inconsueta della nostra città e della nostra provincia». I cinque artisti e gli studenti del liceo Campailla saranno dunque all’opera nell’atrio di palazzo S. Domenico intenti a modellare il proprio manufatto e sarà possibile seguire la loro attività nel corso di tutta la giornata.