Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 798
MODICA - 23/07/2010
Attualità - Modica: il consueto appuntamento dell’associazione dei genitori "Scuola più"

Centro estivo "Scuola più", da 13 anni diverte i bimbi

Un traguardo festeggiato in dolceamaro, a causa della giunta comunale Foto Corrierediragusa.it

Per un mese hanno fatto divertire 103 bambini dai quattro anni in su. Sono i volontari dell’associazione dei genitori «Scuola più» ad organizzare puntualmente ogni estate il centro estivo, giunto ormai alla sua tredicesima edizione. Un traguardo festeggiato in dolceamaro, a causa della giunta comunale. I bambini che avrebbero voluto partecipare al centro estivo erano difatti quasi 250. Ma solo meno della metà di loro sono stati accontentati, perché i competenti uffici dell’amministrazione Buscema non hanno fornito l’autorizzazione all’utilizzo dei pullman necessari.

Solo un mezzo di trasporto è stato concesso, previo pagamento di un euro e 50 a bambino per cinque giorni. La provincia ha invece erogato un contributo di 450 euro, che ha aiutato i volontari dell’associazione a chiudere i conti quasi in pareggio. I genitori hanno pagato 80 euro a bambino per la partecipazione al centro estivo, che si articola in un variegato numero di attività: dal ballo alla palestra, dalla difesa personale alla cucina, passando per il canto. Tutto si svolge nelle aule del complesso didattico di Piano del Gesù a Modica Alta, messe a disposizione dal dirigente scolastico.

E poi ancora gare di go-kart e tornei di minicalcetto, con la premiazione delle prime due classificate delle squadre dei grandi e dei piccoli e dei capocannonieri delle formazioni.

Gli entusiasti bimbi sprizzavano gioia da tutti i pori mentre apprendevano le tecniche base della difesa personale, o si cimentavano in allegre coreografie, o preparavano crepes alla nutella. Tutto questo sotto l’occhio vigile dei volontari e della presidente dell’associazione «Scuolapiù», la signora Pina Zocco, coadiuvata dalla consigliera Marinella Buscema e dal segretario Alessandro Cicciarella.

«I bambini vengono regolarmente assicurati – dice la presidente – non appena vengono iscritti al centro estivo, e la quota assicurativa è compresa negli 80 euro pagati dai genitori e che dobbiamo per forza chiedere, perché solo così riusciamo a coprire a malapena le spese». «Ci occupiamo di tutti i bimbi, senza distinzioni – dice Marinella Buscema, mentre confeziona gli abiti per il ballo della serata finale del centro estivo – e andiamo a prendere fino a casa i bambini che risiedono nelle campagne e che, magari a causa degli impegni dei genitori, hanno meno possibilità di divertirsi rispetto ai loro coetanei che vivono in città».

«Il centro estivo – aggiunge Alessandro Cicciarella – ha avuto il suo clou con lo spettacolo finale del 24 luglio ricco di recite e balli sul palco che noi stessi abbiamo realizzato in economia nel cortile interno della scuola, visto che la giunta ci ha negato anche questo servizio». I visi felici e le risate dei bambini sono la migliore spiegazione del lavoro che ogni anno questi volontari portano avanti con passione, dedizione e alto senso di responsabilità. Bambini capaci di emozionarsi anche per piccole cose, che, ai nostri occhi, possono apparire scontate. «Ricordo che circa un decennio fa – dice la presidente – una bambina si spaventò del mare, perché non lo aveva mai visto. Poi ne rimase affascinata».

Quest’anno, tra le molteplici attività al di fuori delle mura della scuola, ha spiccato la visita nella sede della capitaneria di porto di Pozzallo, dove i bambini hanno potuto apprendere l’importanza delle operazioni di controllo della guardia costiera, che si intensificano nella stagione estiva. Poi tutti nella motovedetta per un bel giro in mare che ha lasciato senza fiato i bambini. L’appuntamento con il centro estivo, valida alternativa al grest di orientamento cattolico, è dunque fissato alla prossima estate.

Nella foto in alto una bambina durante le esercitazioni. Sotto, in senso orario, il gruppo dell´associazione "Scuola più"; le esercitazioni di difesa personale; le prove di ballo; la partita di calcetto; la visita alla capitaneria di porto di Pozzallo e la gara di go-kart.
CLICCATE SULLE FOTO PER INGRANDIRLE