Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1387
MODICA - 15/07/2010
Attualità - Modica: vertice tra Cna e giunta

Tassa spazzatura più "leggera" per le imprese modicane

Il beneficio interessa in particolare le imprese insediate nella zona artigianale di contrada Michelica

Buone nuove per gli artigiani modicani, grazie alla sinergia tra Cna e amministrazione comunale. Tutte le imprese che non hanno ancora presentato le istanze per la riduzione della tassa sui rifiuti solidi urbani, che possono dimostrare di essere in regola con le normative sullo smaltimento dei rifiuti speciali, possono inoltrare fin da subito le richieste al comune, al fine di pagare la Tarsu solo per le aree in cui si producono rifiuti solidi urbani. Sarà così possibile detassare, ai sensi dell’art. 7 del regolamento comunale, tutte quelle aree interne all’insediamento produttivo nelle quali si producono invece rifiuti speciali.

«Riteniamo importante sottolineare – afferma il presidente della Cna Piero Bonomo – l’impegno di concertazione tra la nostra associazione e l’amministrazione comunale, che ha permesso di rispettare scrupolosamente il regolamento comunale che sicuramente, come abbiamo avuto modo di precisare in tante occasioni, necessita di alcune modifiche a tutela delle nostre imprese. Il lavoro svolto in questi mesi – prosegue Bonomo – e definito con l’incontro che si è svolto a palazzo San Domenico, alla presenza dell’assessore Frasca Caccia e del dirigente del settore Carpenzano, ha evitato alle imprese di pagare due volte la tassa sullo stesso suolo, dimostrando – conclude Bonomo – la distinzione di produzione dei rifiuti tra speciali e solidi urbani».

«Ricordiamo altresì alle imprese che hanno già inoltrato istanza di detassazione – dichiara il responsabile organizzativo Carmelo Caccamo – di integrarla con una autocertificazione, disponibile anche nei nostri uffici, da protocollare al Comune di Modica e specificando in modo dettagliato la dimensione delle aree per le quali si richiede la detassazione». Il beneficio interessa in particolare le imprese insediate nella zona artigianale di contrada Michelica.