Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 974
MODICA - 16/06/2010
Attualità - Modica: il prelievo è stato effettuato all’ospedale "Maggiore"

Modica: muore donna di 52 anni, donati gli organi

Espiantati le cornee, il fegato ed i reni

Un prelievo di organi, il terzo nell’arco di due mesi, è stato effettuato martedì all’ospedale «Maggiore» di Modica. La donazione è stata autorizzata dai familiari di Orazia Scifo, 52 anni, residente a Modica Alta, deceduta per cause naturali.

L’espianto degli organi ha avuto inizio alle 19, nel momento in cui il fratello e la sorella della donna hanno firmato il documento valido per la donazione, all’Unità operativa di rianimazione, struttura diretta dal dottor Giuseppe Di Guardo. L’equipe medica era formata dal dottore Santi Milardi, coordinatore medico per i trapianti, i dottori Francesco Lucifora ed Erina Leggio, l’infermiera Rosanna Rizza e il dottore Nino Bongiorno, primario della Divisione oculistica.

Sono stati prelevati le cornee, il fegato ed i reni. È stato impossibile effettuare il prelievo del cuore. La donna è stata infatti stroncata da un’emorragia cerebrale, che le ha causato un arresto cardiocircolatorio, danneggiando in modo irreversibile il cuore, nonostante la rianimazione a bordo dell’ambulanza 118 che, intervenendo tempestivamente, ha trasportato la donna in ospedale.

L’intervento di espianto è durato circa sei ore. L’equipe medica è uscita dalla sala operatoria intorno all’una di stamani, consegnando gli organi per essere trasferiti nei centri dove sono in lista d’attesa diversi pazienti che aspettano d’urgenza un trapianto. Le cornee sono state destinate alla Banca oculistica presso l’Ospedale civico di Palermo. Il fegato è stato trasferito anch’esso a Palermo, destinazione Ismett. I reni sono andati a pazienti ricoverati presso il Policlinico di Catania.