Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 841
MODICA - 03/06/2010
Attualità - Modica: al Liceo Campailla il secondo appuntamento del progetto "L’uomo e l’onore"

Modica: il ruolo della donna nel mondo classico

Emilio Galvagno ha dato una lettura critica della "Orazione per l’uccisione di Eratostene"
Foto CorrierediRagusa.it

Il ruolo della donna nel mondo greco, il suo rapporto con il marito, la sua indipendenza sono stati alcuni degli spunti offerti dalla conferenza che Emilio Galvagno ha tenuto nell´aula di scienze del Liceo Tommaso Campailla.

Il docente di storia greca presso l´università di Catania ha preso le mosse dalla lettura critica dell´orazione «Per l´uccisione di Eratostene» di Lisia. E´ stato infatti questo il tema proposto dal progetto sulla storia e letteratura greca promosso dalla scuola, ed in particolare dai docenti Michele Blandino ed Enza Sigona, su «L´uomo e l´onore» che ha visto come primo appuntamento l´analisi dell´eroe omerico Aiace.

Emilio Galvagno ha trattato l´orazione di Lisia in cui si racconta una storia «d´onore» ovvero di un tradimento; la moglie tradisce Eufileto con Eratostene ed il marito che li trova in flagranza di «reato» non trova di meglio che uccidere l´amante. Emilio Galvagno rileva come la donna non sia punibile perchè essa fa parte integrante della casa, di quella che i greci definiscono «oikos», una donna dunque ridotta ad un sorta di suppellettile che non ha ruolo e dignità sociale ma ha una sua dimensione solo all´interno delle mura domestiche.

L´orazione di Lisia è stata anche occasione per discutere insieme agli studenti di come la giustizia vedeva la donna nel mondo greco, relegata anche in questo caso in una posizione subalterna e per nulla significativa tanto da rendere impunibile la sua colpa di avere tradito che viene invece ribaltata tutta sull´uomo-amante.

(Nella foto da sx Enza Sigona, Emilio Galvagno)