Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1100
MODICA - 01/12/2007
Attualità - Modica - Sul contestato caso edilizio interviene D’Antona

"Per i villini di via Nuova
S. Antonio era necessario
un piano di lottizzazione"

"Non bastava la singola concessione" Foto Corrierediragusa.it

Per gli otto villini di via Nuova S. Antonio ci voleva un piano di lottizzazione e non la singola concessione. Il caso sollevato dal recente sbancamento in un lotto intercluso, ricadente tra il convento dei padri Cappuccini e la villa Cascino, ha provocato proteste a catena nei residenti della zona ed ha indotto il consigliere Vito D’Antona (nella foto) a chiedere spiegazioni specifiche a sindaco ed assessore all’urbanistica.

D’Antona sostiene infatti che in una zona classificata come C3 del piano regolatore non può essere rilasciata una concessione singola come quella che ha consentito all’impresa di avviare le opere di sbancamento con relativo taglio di alberi e vegetazione autoctona.

« Le zone C3- dice il consigliere di Sinistra democratica ? hanno bisogno di un piano di lottizzazione che deve essere sottoposto all’esame ed alla eventuale approvazione del consiglio comunale. Cosa che l’assessorato e l’amministrazione non hanno fatto rilasciando una singola concessione. Chiedo un approfondimento urgente della questione «.

Il progetto presentato prevede la costruzione di otto villini con accesso dalla via S. Antonio, ricade in una delle poche aree ancora libere del quartiere e comporta un impatto forte per via dello sbancamento del costone roccioso. L’impresa titolare della concessione ha avviato i lavori già da un mese ed ha praticamente completato lo sbancamento.

Le ruspe in azione in via Nuova S. Antonio