Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1047
MODICA - 26/05/2010
Attualità - Modica: tirano un sospiro di sollievo l’editore e i 40 dipendenti

Video Mediterraneo, il giudice archivia tutto

Il provvedimento del magistrato consente l’accesso ai fondi per l’editoria, che ammontano a circa un milione 200mila euro per ogni annualità, e che erano stati sospesi proprio per la mancata certificazione del bilancio

Quaranta dipendenti del gruppo editoriale Video Mediterraneo tirano un sospiro di sollievo. L’archiviazione della sentenza da parte del Gip presso il tribunale di Modica, Patricia Di Marco, nei confronti dell’editore Carmelo carpentieri avrà infatti dirette refluenze sul loro rapporto di lavoro ed il loro futuro. Il provvedimento del magistrato consente all’editore infatti di accedere ai fondi per l’editoria, che ammontano a circa un milione 200mila euro per ogni annualità, e che erano stati sospesi proprio per la mancata certificazione del bilancio.

I fondi non sono stati disponibili per l’anno 2008 e 2009 per l’editore in quanto l’inchiesta era ancora in corso per cui Carmelo carpentieri ha dovuto tagliare una parte del personale e ricorrere alla cassa integrazione per garantire un minimo di stipendi per i propri dipendenti. L’indagine è stata avviata a suo tempo dalla procura della repubblica di Modica che ha contestato all’editore di non tenere contabilità separate per le tre reti su cui si articola l’emittente, Video Mediterraneo, Teletrè e Medieterraneo Sat.

«Sono molto contento per i miei dipendenti –dice Carmelo Carpentieri- Sono stati loro a soffrire di più passando il peggior natale immaginabile. Mi attiverò subito per notificare la sentenza al Ministero delle attività produttive per avere i contributi che la legge garantisce e tamponare così una situazione finanziaria difficile».

IL PLAUSO DELL´ASSOSTAMPA E DEI SINDACI DI MODICA E POZZALLO
La segreteria provinciale dell’Associazione Siciliana della Stampa prende atto della decisione del Gip del Tribunale di Modica di procedere all’archiviazione delle presunte irregolarità amministrative a carico dell’azienda editoriale «Video Mediterraneo» per i contributi sull’editoria. L’inchiesta di fatto aveva bloccato il contributo di un milione 800 mila euro all’azienda provocando lo stato di crisi del gruppo editoriale costretto ad avviare le procedure di licenziamento collettivo.

La concertazione col nostro sindacato sulla riduzione dell’organico redazionale ha portato a non licenziare alcun giornalista, ma solo ad una riduzione di ore per parte dei giornalisti della redazione. Di fronte alla notizia dell’archiviazione decisa del Gip e al concomitante sblocco del contributo statale si chiede all’amministratore unico del gruppo editoriale di procedere tempestivamente al saldo delle spettanze arretrate per tutti i dipendenti fortemente provati da una lunga attesa e dalla mancata corresponsione di diverse mensilità nonché di salvaguardare i livelli occupazionali faticosamente raggiunti, auspicando un incremento delle ore di lavoro per i lavoratori contrattualizzati a part-time a 18 ore settimanali.

Un plauso anche dal sindaco di Modica Antonello Buscema e dal suo omologo di Pozzallo Giuseppe Sulsenti per il buon esito della vicenda "Che dimostra - si legge nelle due note inviate dai rispettivi comuni - la buona fede dell´editore nella gestione contabile della storica azienda".