Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1438
MODICA - 06/05/2010
Attualità - Modica: succede nei giorni festivi ai danni dei turisti

Modica dai 2 volti: chiese aperte e ufficio turistico chiuso

L’argomento è stato al centro della discussione tra il vice presidente della provincia Mommo Carpentieri ed il sindaco Antonello Buscema

Chiese aperte e ufficio del turismo chiuso. Succede nei giorni festivi in città. Sabato e domenica scorsa l’ufficio del turismo di corso Umberto è rimasto rigorosamente chiuso; tutte le informazioni che i visitatori hanno potuto ottenere sono state dai cartelli e dagli annunci sul portone dell’ufficio, peraltro ancora di difficile individuazione visto che manca anche la tabella di segnalazione.

Solo grazie a due dipendenti comunali l’ufficio ha funzionato nella mattinata di sabato e domenica ed all’una tutti a casa. «Abbiamo fatto un sacrificio –dice l’addetta in servizio- Recupereremo questa giornata in altra data». Gli addetti non vanno oltre e preferiscono non approfondire ma il problema di base è che la cooperativa che dovrebbe assicurare l’apertura nei festivi, sia in ore antimeridiane e pomeridiane, non è disponibile ad effettuare il servizio se non verrà chiarito chi e cosa sarà pagato per il lavoro svolto.

L’argomento è stato al centro della discussione tra il vice presidente della provincia Mommo Carpentieri ed il sindaco Antonello Buscema; Carpentieri ha assicurato la copertura delle spese del servizio di apertura dlele chiese grazie ad una specifica delibera ma niente ancora si è concretizzato.

In una città che proprio nello scorso fine settimana ha vissuto il suo momento migliore dal punto di vista delle visite trovare la porta dell’ufficio turistico sbarrata non è stato il miglior biglietto di presentazione. Ci sono progetti, ci sono consulenti, ci sono tavoli tecnici, ci sono cabine di regia ma ci si perde in un semplice bicchier d’acqua quando c’è da organizzare ed assicurare il servizio primario e vitale per quanti non conoscono la città.