Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 770
MODICA - 05/05/2010
Attualità - Modica: si comincia con una bella passeggiata in bici

Modica: corso Umberto I chiuso anche la domenica mattina

L’amministrazione ha voluto recepire le tante istanze provenienti da famiglie, residenti, ma anche turisti, che hanno sollecitato la creazione dell’isola pedonale

E dopo la chiusura serale arriva anche quella mattutina. E’ la decisione dell’amministrazione comunale riguardante la parte di corso Umberto che va da piazza Monumento a piazza Rizzone. Da domenica prossima e fino all’ultima domenica di giugno questo tratto del corso sarà infatti chiuso al traffico dalle 10 alle 13. L’amministrazione ha voluto recepire le tante istanze provenienti da famiglie, residenti, ma anche turisti, che hanno sollecitato la creazione dell’isola pedonale.

La decisione del sindaco Antonello Buscema è stata accelerata dalla giornata nazionale della bicicletta che coincide proprio con la chiusura al traffico del corso Umberto domenica prossima. L’isola pedonale sarà comunque estesa a tutti i giorni festivi e non solo alle domeniche ed il comando di polizia municipale monitorerà l’andamento dell’esperimento. Non si tratta comunque di una novità assoluta visto che il corso Umberto resta chiuso ormai da alcuni anni nelle ore serali dei prefestivi e festivi per almeno tre ore.

Anche nelle ore mattutine dei festivi il traffico seguirà le solite direttrici in attraversamento per Modica Alta o per dirigersi verso il S. Cuore. Sarà utilizzata la via S. Benedetto, la via Marchesa Tedeschi e la parte terminale del corso Umberto. Per effetto della chiusura mattutina nei festivi il centro storico della città resterà dunque chiuso per ben sei ore, tre di mattina e tre di sera, e ciò contribuirà certamente a migliorare la qualità dell’aria e soprattutto a limitare abitudini radicate ed anche un malsane come l’attraversamento ad ogni costo del corso Umberto per una «passeggiata» in macchina.