Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:04 - Lettori online 1518
MODICA - 28/11/2007
Attualità - Modica - Resta lo stato di agitazione

Stipendi ai dipendenti:
Torchi s´impegna,
sindacati scettici

Saranno erogati novembre e dicembre. Forse niente tredicesima Foto Corrierediragusa.it

Il sindaco Piero Torchi si impegna ma il sindacato prende le distanze. Il sindaco è intervenuto alla assemblea che i dipendenti hanno tenuto nell’aula consiliare di palazzo S. Domenico. Il sindaco ha assunto l’impegno del pagamento di due stipendi, Novembre e Dicembre, grazie a due anticipazioni che l’assessorato agli enti locali dovrebbe accreditare a presto.

Si tratta di due anticipazioni sui trasferimenti che la Regione deve al comune , ognuna di un milione 600mila euro, che consentiranno di pagare i due stipendi. Per tredicesima e per salario accessorio se ne riparlerà invece il prossimo anno visto che i fondi che dovrebbero essere disponibili non coprono il fabbisogno necessario.

Il personale ha preso atto delle assicurazioni di Torchi ma ha confermato lo stato di agitazione della categoria soprattutto se i tempi indicati dal sindaco per i pagamenti non dovessero essere rispettati. I segretari provinciali di Cigl, Cisl ed Uil da parte loro sono preoccupati per la situazione economica finanziaria di palazzo S. Domenico e bocciano il metodo utilizzato dal sindaco nel confronto avuto con le parti.

« La concertazione ? dicono i segretari provinciali di Cgil, Cisl ed Uil - ha bisogno di essere praticata e prima ancora sancita e sottoscritta per diventare strumento di responsabilità». I sindacati si riferiscono all’incontro avuto con Torchi che hanno giudicato negativamente « Ci è parso più un espediente legato alle difficoltà oggettive di governo della città piuttosto che la reale volontà di condividere e perseguire un metodo di lavoro chiaro ed un progetto condiviso».

Anche nel merito delle questioni affrontate i sindacati non sono d’accordo. L’amministrazione pensa infatti di recuperare sei milioni di euro per il bilancio 2008 grazie all’introduzione di addizionale Irpef, aumento dell’Ici, imposizione di ticket. « Queste misure ? dicono i sindacati ? non ci appaiono equilibrate e sul versante dei tagli e sul piano delle entrate in quanto collegati a maggiore pressione fiscale e tributi locali»

Il sindacato vuole garantire i lavoratori dell’ente e tutto l’indotto e non hanno riscontrato questa priorità nelle parole di Torchi per cui auspicano per la ripresa del dialogo un confronto che sia rigoroso e che affronti la gravità della situazione finanziaria dell’ente.