Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 918
MODICA - 27/04/2010
Attualità - Modica: al bando sedie e tavoli di plastica dai locali pubblici

Modica: corso Umberto si rifarà il look. Ma quando?

E ancora eliminazione della segnaletica abusiva, decoro degli edifici. Ma davvero alle parole seguiranno i fatti? Foto Corrierediragusa.it

Al bando le sedie di plastica, nuove pedane per i bar, eliminazione della segnaletica abusiva, decoro degli edifici. Passa attraverso queste quattro misure la campagna di abbellimento del centro storico , il cui primo passo è stata la promozione dell’iniziativa sui balconi fioriti. In questi ultimi giorni le squadre della polizia annonaria hanno provveduto a rimuovere decine di tabelle che i proprietari di alberghi, bar, esercizi commerciali hanno provveduto ad apporre sui pali della segnaletica stradale senza alcuna concessione.

«Abbiamo cominciato a fare pulizia –dice l’assessore al centro storico Elio Scifo- Applichiamo il regolamento approvato dal consiglio comunale ed insieme all’assessore allo sviluppo economico, Nino Frasca Caccia, abbiamo svolto i necessari sopralluoghi con i tecnici trovando le giuste soluzioni anche con la collaborazione degli interessati, che , per la verità, sono stati concordi con noi». Anche per i bar ed i ristoranti sono in arrivo novità sostanziali. Dal prossimo mese non potranno essere utilizzate sedie e tavoli in plastica; ci sono precise direttive sull’uso dei materiali consentiti, tra cui il ferro ed i vimini.

Gli esercizi commerciali che vorranno allargare i propri spazi dovranno provvedere a delimitarli con una striscia colorata tracciata sul marciapiede ed attenersi entro questo confine. Inoltre la delimitazione dovrà essere resa visibile con fioriere e piante per individuare per clientela e non lo spazio consentito. « La squadra annonaria –conferma l’assessore Scifo- controllerà che le autorizzazioni rilasciate con gli spazi assegnati siano rispettate in modo puntuale.

Per le terrazze in legno per i ristoranti abbiamo cercato di contemperare le esigenze dei titolari con quelle della sicurezza stradale». Il metodo applicato è quello di concedere lo spazio della banchina antistante l’esercizio commerciale il cui titolare, tuttavia, dovrà provvedere a realizzare una passerella per i pedoni per consentire il transito. Sono una quarantina in tutto gli esercizi commerciali del centro storico e di Modica Alta che hanno richiesto, ed ottenuto, l’autorizzazione ad installare terrazze e ad occupare spazi esterni.

L’operazione partirà dal mese di maggio e comunque man mano che le licenze saranno protocollate e ritirate dagli interessati. Altro capitolo è poi quello del decoro delle facciate. L’assessorato al centro storico ha monitorato innanzitutto quelle lungo il corso Umberto. Grazie ai fondi in bilancio il primo atto sarà quella di procedere in danno del proprietario di una casa che affaccia su piazza Matteotti le cui aperture sono state da anni coperte con fogli di plastica. «Realizzeremo –dice Elio Scifo- degli infissi veri e propri e addebiteremo i costi al proprietario. Vogliamo fare pulizia e facciamo sul serio».