Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1097
MODICA - 01/04/2010
Attualità - Modica: una e-mail giunta in redazione spiega i motivi dello scherzo provocatorio

Lega Nord a Modica: confermato il pesce d´aprile

Il comunicato firmato dal fantomatico "Luca Buscema" era stato subito battuto dalle maggiori agenzie di stampa

E´ confermato: l´annunciata costituzione del circolo cittadino della Lega Nord a Modica è solo uno scherzo, un classico pesce d´aprile. Era una circostanza prevedibile, come confermato dal fantomatico "Luca Buscema", che si definiva componente del coordinamento leghista. La conferma dello scherzo è arrivata l´altra notte tramite una e-mail alla nostra redazione.

Si è trattato solo di una provocazione, che gli ideatori spiegano con queste parole: "Nessuno ha mai, solo per un attimo, pensato di portare a Modica la Lega Nord (o almeno, lo si spera). Scene da film fantasy, da realtà di Tim Burton: pensate un po´ alle fantomatiche bandiere della Lega che sventolano in corso Umberto durante la Madonna Vasa Vasa o al presunto Consigliere Comunale che si presenta a Palazzo San Domenico con la cravatta verde e il fazzoletto nel taschino della stessa tonalità.

Dunque - si continua a leggere nella nota - un pesce d´aprile, o ancora meglio una provocazione mascherata da pesce d´aprile. Sotto l´ombra verde della "minaccia" leghista tanti Modicani si sono uniti, tutti insieme senza distinzioni politiche, per dire di no all´´avvento del partito "nordista" mettendo da parte quelle sterili ed inutili polemiche che, alimentate ad arte con dinamiche "copiate" dal contesto nazionale, hanno impedito - chiude la nota - un sano e costruttivo confronto per il bene della città". Quindi uno scherzo volutamente provocatorio per stimolare il dibattito politico in città e dimostrare che la circostanza è possibile, al di la degli steccati. Onore al merito.