Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 683
MODICA - 22/11/2007
Attualità - Modica - «Scuola, famiglia e territorio, insieme per il successo scolastico»

L´Italia patria dei somari?
L´indice di scolarizzazione
è tra i più bassi d´Europa

Bisogna motivare i ragazzi allo studio Foto Corrierediragusa.it

L’Italia è il Paese con il più basso indice di scolarizzazione rispetto alla media delle altre nazioni europee. Il dato non proprio edificante è stato evidenziato dal preside della facoltà universitaria di scienze del governo e dell’amministrazione di Modica Giuseppe Barone (nella foto con la docente Claudia Terranova), nell’ambito dell’incontro su «Scuola, famiglia e territorio, insieme per il successo scolastico», svoltosi nei locali dell’istituto d’istruzione superiore «Verga», a conclusione del progetto Por «Insieme», ideato e curato dalla docente Claudia Terranova.

«Sull’insoddisfacente grado di scolarizzazione del nostro Paese ? ha affermato il professore Barone ? i dati resi noti dall’Istat non lasciano dubbi. Siamo in fondo alla classifica rispetto a nazioni come la Germania, l’Inghilterra, la Francia. Su 45 milioni di abitanti ? ha proseguito Barone ? i cittadini laureati sono solo due milioni e mezzo. Appena 500mila in più degli analfabeti, che raggiungono l’incredibile numero di tre milioni. Poco meno di 15 milioni invece quanti hanno in tasca un diploma di scuola media superiore. Altrettanti coloro che hanno conseguito la licenza media, mentre dieci milioni di cittadini ? ha concluso Barone ? sono in possesso della licenza elementare».

Da questo stato di cose è emersa la consapevolezza che bisogna motivare i ragazzi allo studio. Il progetto della docente Terranova punta anche al raggiungimento di questo obiettivo, con la realizzazione di alcuni laboratori: liuteria per principianti ed espressione corporea, entrambi destinati ai giovani. Altri laboratori sono stati pensati per i docenti e i genitori, per favorire e valorizzare l’integrazione scolastica degli alunni diversamente abili coinvolgendoli, insieme ai compagni normodotati, in attività didattiche che consentono loro di interagire con genitori e insegnanti.