Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 959
MODICA - 19/02/2010
Attualità - Modica: risolto il contenzioso tra l’amministrazione comunale e l’impresa appaltatrice

Modica: al via consolidamento di corso S. Giorgio

Saranno necessari cinque mesi per completare i lavori e ripristinare la carreggiata
Foto CorrierediRagusa.it

Contenzioso risolto, riapre il cantiere di corso S. Giorgio. Da due anni la strada versa in condizioni pietose per i lavori intrapresi e lasciati a metà (nella foto); carreggiata transennata e pericolosa per gli automobilisti, erbacce che sono cresciute lungo tutto il tratto delimitato da quelle che erano delle già precarie transenne in plastica.

L’accordo raggiunto tra l’impresa appaltatrice e l’amministrazione consentirà dalla prossima settimana di riavviare i lavori. «Il cantiere riaprirà lunedì –assicura l’assessore ai Lavori Pubblici, Giorgio Cerruto. I lavori riguardano il consolidamento e la messa in sicurezza delle arcate che sorreggono la carreggiata; tempo previsto dal contratto cinque mesi per cui solo in estate corso S. Giorgio potrà ritornare al suo stato originario.

Per il terzo anno consecutivo la festa del patrono dovrà svolgersi con il cantiere aperto e con detriti e massi lungo la strada principale che conduce alla chiesa. Il contenzioso è stato originato da un errore nel progetto a causa della mancata segnalazione da parte dell’ufficio tecnico dell’attraversamento nella zona interessata dei cavi in fibra ottica.

L’impresa ha preteso che per intervenire per lo spostamento dei cavi il progetto dovesse essere modificato con un aggravio delle spese per l’ente. Un accordo al cinquanta per cento, circa 35mila euro, tra amministrazione ed impresa, ha sbloccato finalmente l’iter con buona pace soprattutto dei residenti che si sono ritrovati da due anni a questa parte con una strada parzialmente agibile