Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 725
MODICA - 15/02/2010
Attualità - Modica: il convegno promosso dai gruppi Agesci della Sicilia orientale

Scout a istituzioni: "Ascoltateci sul parco degli Iblei"

Un tavolo tecnico senza associazioni ambientaliste e naturaliste sarebbe falsato
Foto CorrierediRagusa.it

Gli scout vedono il parco degli Iblei come fattore di sviluppo per l’intera comunità. Il movimento dalla forte anima ambientalista chiede di essere ascoltato nel percorso che porterà all’eventuale definizione del parco e dei suoi confini.

Il gruppo scout Modica 3, presieduto da Emanuele Gurrieri, ha promosso un convegno sul tema del parco degli Iblei (Nella foto: il tavolo della presidenza) cui hanno partecipato autorevoli rappresentanti del movimento scoutistico siciliano come Pippo Vitali, del settore ambiente Scout Sicilia, Antonio Rasconà, responsabile della zona aretusea, Gianluca Burderi della zona netina,e Leonardo Salamone,capo gruppo Ragusa 7, incaricato del demanio. Presente anche Giorgio Occhipinti, consulente esterno dell’assessorato regionale all’ambiente.

Gli scout hanno rilevato la sensibilità del sindaco di Ragusa, diversamente dal presidente della provincia, che ha sentito l’opportunità di un confronto con il movimento sui confini del parco ed in particolare sulle zone A e B. Molti interventi hanno puntato l’attenzione sul fatto che i tavoli tecnici finora istituti a livello politico ed istituzionale non possono non tenere conto del ruolo delle associazioni naturalistiche o interessate all’educazione ambientale; un tavolo così costituito è per gli scout un tavolo falsato che lascia il potere decisionale ai sindaci che hanno manifestato in larga parte il no al parco mentre c’è un sentimento diffuso nella società civile che chiede e vuole l’istituzione del parco e di cui gli scout si vogliono fare interpreti e portatori.