Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1068
MODICA - 12/01/2010
Attualità - Modica: manifestazione pacifica nella sede di via Lanteri

Corsisti del Copai senza stipendio da 6 mesi

Mille euro a testa per quasi sette mesi, per un totale di circa 324mila euro

Sono in attesa degli stipendi arretrati da sette mesi. I 27 corsisti del «Copai», il consorzio di promozione e sviluppo del territorio, hanno manifestato in maniera pacifica dinanzi alla sede di via Lanteri. I manifestanti, che hanno seguito i corsi specifici e partecipato a degli stage formativi per quasi un anno, chiedono adesso l´erogazione delle spettanze loro dovute: mille euro a testa per quasi sette mesi, per un totale di circa 324mila euro. Queste somme dovrebbero essere erogate a cura della provincia regionale, che, a sua volta, le recepisce dalla Regione, sulla base anche di fondi europei.

«Da palazzo del Fante – dichiara Giovanni Tona, uno dei corsisti – ci hanno fornito ampie rassicurazioni sul versamento della somma, per quanto di competenza della provincia regionale. Non capiamo però – conclude Tona – perché non ci sia stato liquidato almeno una parte di quanto ci spetta di diritto». Pare che le somme introitate dal Copai, comprese quelle della provincia regionale, siano comunque bloccate a causa delle indagini in corso da parte della Guardia di finanza nell´ambito dell´inchiesta sulla presunta truffa di 7 milioni di euro allo Stato e alla Comunità europea. Questa situazione permarrà almeno fino alla chiusura delle indagini.

«Aldilà di come si metteranno le cose – aggiunge Salvatore Martorana, un altro dei 27 manifestanti – continueremo a seguire i corsi e gli stage, proseguendo con serietà e dedizione nel nostro lavoro, ma chiediamo – conclude – che i nostri diritti e le nostre esigenze non siano calpestate a causa di situazioni a noi estranee e in merito alle quali non c´entriamo assolutamente nulla».