Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1096
MODICA - 12/01/2010
Attualità - Modica: contravvenzioni, prevenzione e qualità della vita

Il bilancio dei vigili urbani e il fenomeno sosta selvaggia

Giuseppe Puglisi è da poco meno di due anni alla guida del corpo di polizia municipale e si è distinto per il suo ruolo in prima linea, ma non basta
Foto CorrierediRagusa.it

Non solo contravvenzioni e prevenzione ma anche attività per il miglioramento della qualità della vita. «E’ un sentimento diffuso in città – dice il comandante dei vigili urbani Giuseppe Puglisi (nella foto)- Non garantiamo solo pronto intervento, controlli, mobilità e sicurezza stradale ma cerchiamo di soddisfare anche una crescente sensibilità in tema di servizi, cultura, turismo, ambiente e vigilanza architettonica ed edilizia. Insomma tutto quello che innalza la qualità della vita nella nostra città a cominciare dai servizi notturni mirati ad arginare il disturbo arrecato alla quiete dei residenti nei quartieri della città, ed in particolare del centro storico».

Giuseppe Puglisi è da poco meno di due anni alla guida del corpo di polizia municipale e si è distinto per il suo ruolo in prima linea visto che non disdegna di scendere in strada e dirigere personalmente il traffico quando l’emergenza lo impone. Il comandante deve fare i conti con un corpo dei vigili che manca di almeno dieci unità ed il cui organico è avanti negli anni anagrafici e della carriera per cui nei prossimi anni il numero dei vigili tenderà ancora a diminuire per via dei pensionamenti.

Le statistiche elaborate dal comandante Puglisi parlano di una attività intensa delle varie sezioni in cui il comando è organizzato; nel 2009 sono arrivate ai vigili poco più di 10 mila segnalazioni comprese 53 per smarrimento di oggetti vari, telefonini e chiavi di cittadini distratti in particolar modo. I 9mila 500 verbali del codice della strada hanno fruttato all’ente 300mila euro e le altre 224 violazioni hanno portato in cassa altri 10 mila 780 euro. Grazie anche a questi proventi 40mila euro sono stati investiti nel rinnovamento della segnaletica stradale orizzontale mentre è già stata appaltata per altri 25mila euro la segnaletica verticale per tutto il territorio urbano.

La sosta selvaggia però continua a farla da padrone soprattutto in centro storico, dove le strade si trasformano in autentici budelli a senso alternato a causa delle auto parcheggiate in doppia e tripla fila.

Sono diminuiti sensibilmente i ricorsi al prefetto ed al giudice di pace da parte degli automobilisti contravvenzionati; il comandante Puglisi non ha affidato da parte sua incarichi a legali esterni e consulenze realizzando così un risparmio per l’ente. L’attività della squadra di polizia ambientale ha condotto 278 controlli con 55 denunce per abusi edilizi.

I vigili hanno cercato di migliorare la loro immagine all’esterno facendo opera di prevenzione e di informazione nelle scuole ma la città chiede loro maggiore puntualità ed interventi mirati per alleviare i disagi di un traffico pesante in tutte le ore del giorno. A fronte di vigili che si impegnano e sono sulla strada i cittadini assistono spesso e volentieri a uomini che nel bel mezzo del caos viario si dedicano ad altre attività suscitando così disappunto ed anche rancore verso una categoria che resta, nel bene e nel male, al centro dell’attenzione cittadina per il delicato compito che è chiamato a svolgere.